IMU sui terreni agricoli. PD Gargano: “Sospeso o probabilmente rinviato”

“L’applicazione del decreto rischiava di avere conseguenze nefaste sull'agricoltura e su molti contribuenti di tutti i comuni del Gargano”

Immagine di repertorio

A seguito della mobilitazione dei nostri parlamentari del PD, il decreto interministeriale del 28 novembre, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che aveva sollevato grande preoccupazione nei Comuni del Gargano, sarà sospeso e probabilmente rinviato a giugno 2015, con una revisione dei criteri di esenzione. Tale provvedimento, infatti, in attuazione di quanto previsto dal DM n. 66/2014 in merito alle esenzioni IMU 2014 per i terreni agricoli, rimodula i criteri in base a tre fasce altimetriche, riferendosi alla quota slm della casa comunale.

L’applicazione del decreto rischiava di avere conseguenze nefaste sull'agricoltura e su molti contribuenti di tutti i comuni del Gargano, introducendo il pagamento dell'IMU su terreni agricoli finora esenti perché ricadenti in comuni interamente classificati montani, che costituiscono la metà del territorio. La restante metà dei comuni, invece, avrebbe garantito l'esenzione ai soli coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, iscritti alla previdenza agricola.

E' chiaro che l'individuazione di un criterio tale aveva assunto connotati di assurda superficialità, considerato che molti comuni, pur avendo la casa comunale a quote inferiori ai 281 metri, presentano un territorio caratteristicamente montano, sia per l'impervietà e la geomorfologia, sia per l'altimetria media o preponderante che si attesta intorno ai i 5-600 metri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rassicurazione del sottosegretario Pier Paolo Baretta, che informalmente ci avevano anticipato i deputati Bordo, Mongiello e Scalfarotto, sarà seguita da atti ufficiali a brevissimo. Siamo perciò soddisfatti di aver acceso i fari evitando un provvedimento che colpiva iniquamente proprio chi, come i nostri agricoltori, dev'essere sostenuto per la sua funzione di presidio e salvaguardia del territorio, particolarmente in una zona, il Gargano, dalle peculiarità geografiche poco vantaggiose ed esposta in modo notevole, come visto di recente, al rischio idrogeologico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento