Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica San Severo

Compostaggio San Severo, Cera: “Iniziativa privata che non rientra nel piano regionale dei rifiuti”

Le precisazioni di Napoleone Cera sulla scorta della nota stampa della Regione Puglia in merito all’impianto di compostaggio che verrà realizzato dai privati a San Severo

All’indomani delle precisazioni della Regione Puglia sulla realizzazione dell’impianto di compostaggio di San Severo, il consigliere regionale e capogruppo dei Popolari Napoleone Cera, ribadisce quanto sostenuto dall’Udc della città dell’Alto Tavoliere: “Non può essere lasciata all'iniziativa privata la gestione del compostaggio dei rifiuti, specie se nuovi impianti non trovano riscontro nella programmazione della Regione”


Evidenzia l’esponente sammarchese dello scudocrociato: “Ora arriva una chiara presa di posizione della Giunta regionale, che sull'impianto di compostaggio, che una società privata sta realizzando in agro di San Severo, evidenzia come il progetto non rientri nel vigente piano regionale dei rifiuti, avendo avuto tra l'altro solo una autorizzazione provinciale. Ogni nuovo impianto per la chiusura del ciclo dei rifiuti dovrà essere condiviso con la neonata Agenzia regionale dei rifiuti. Pertanto, ogni iniziativa privata, non rispondente alle finalità del nuovo piano dei rifiuti, non rientrerà nella programmazione regionale”.

LAVORO, TASSE E MENO RIFIUTI: IL VIDEO


Conclude Napoleone Cera: “Appare una decisione di grande interesse perché mette un freno alla iniziativa privata e pone dei paletti precisi nella futura gestione del ciclo dei rifiuti che non può essere lasciata a decisioni di singoli enti.  Invito la Giunta e l'Agenzia regionale ad arrivare presto alla definizione del nuovo piano, in modo da evitare incertezze territoriali e inutili costi aggiuntivi per i cittadini”

Questa la nota della Regione Puglia: “Con riferimento all'impianto di compostaggio che dovrebbe realizzarsi a San Severo per iniziativa di una società privata, la Regione Puglia intende specificare che il suddetto progetto, sottoposto ad iter autorizzativo provinciale, non rientra nel vigente piano regionale dei rifiuti. Il piano, attualmente in fase di riscrittura ad opera del dipartimento Ambiente e dell'Agenzia regionale rifiuti, prevede in agro di San Severo un impianto di compostaggio pubblico con capacità di trattamento di 25000 tonnellate annue di frazione organica. Le linee guida  di revisione del piano  recepite nel documento preliminare approvato dalla Giunta regionale qualche giorno fa, indicano chiaramente che l'impiantistica dovrà avere, preferibilmente  natura pubblica e l'individuazione dei siti dove collocare gli impianti dovrà, necessariamente, prevedere un processo di condivisione con il territorio. La realizzazione degli impianti che consentano la chiusura del ciclo dei rifiuti costituisce un passaggio fondamentale per raggiungere gli obiettivi di raccolta differenziata previsti dalla normativa nazionale e comunitaria. Le scelte impiantistiche private non condivise con la Regione e con la neonata agenzia non faranno mai parte del nuovo piano regionale dei rifiuti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Compostaggio San Severo, Cera: “Iniziativa privata che non rientra nel piano regionale dei rifiuti”

FoggiaToday è in caricamento