Impianto di depolimerizzazione ad Ascoli Satriano. Santoro (PD): “Siamo contrari”

Pasquale Santoro: "Contribuiamo, tutti insieme, a preservare la nostra salute ed il nostro territorio".

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Il coordinamento Pd di Ascoli Satriano, circolo 'Liliana Rossi', a seguito degli eventi appresi in occasione dell'ultima conferenza di servizi tenutasi in data 14 febbraio 2017, relativamente alla richiesta di insediamento in ambito locale di un impianto di depolimerizzazione da parte di Ecofuel Apulia srl, ritiene doveroso informare la cittadinanza tutta della propria ferma contrarietà a un siffatto insediamento, come peraltro già in passato espresso.

Dunque ritiene di: reiterare e manifestare il proprio impegno a contrastare tale iniziativa attivandosi e promuovendo ogni necessaria, quanto opportuna, iniziativa tesa a preservare la salute dei propri concittadini e l'assetto socio, economico, ambientale ed agronomico del territorio; attivarsi, con il coinvolgimento degli enti istituzionali dei comitati cittadini, delle organizzazioni agricole, sindacali e di cultura e di ogni altro comitato socio culturale del posto, per approntare manifestazioni, conferenze ed iniziative collettive per sensibilizzare la collettività dei rischi "indelebili" che tale insediamento potrebbe arrecare al nostro territorio; coinvolgere, con la massima divulgazione, gli organi di stampa e i mass media locali e nazionali, per una più ampia e proficua collaborazione nel sostenere le ragioni del diffuso dissenso cittadino; auspicare, e sollecitare, e una proficua collaborazione con tutti gli enti, comitati, organizzazioni ed asssociazioni del posto, per promuovere e coordinare ogni opportuna iniziativa che possa maggiormente sostenere il comune obiettivo.

Conclude il segretario del partito locale, Pasquale Santoro: "Contribuiamo, tutti insieme, a preservare la nostra salute ed il nostro territorio".

Torna su
FoggiaToday è in caricamento