Mongelli rescinde il contratto con la ditta dei lavori del Teatro Giordano

Il teatro più antico della Puglia doveva essere riaperto il 19 dicembre. Il sindaco ha inviato anche una segnalazione all'Autorità di vigilanza sugli appalti

Il Comune avrebbe dovuto consegnarlo prima di Natale e inaugurarlo il 19 dicembre, ma così non è stato. Il sindaco Mongelli ha rescisso il contratto con “La Raco”, la ditta appaltatrice per l’esecuzione dei lavori di ricostruzione e restauro del più antico teatro della Puglia, il Giordano. Da ben cinque anni e dopo una spesa vicina ai 5mln di euro, si attende la sua riapertura.


Oggi il problema sembra essere prettamente burocratico e riguarderebbe delle certificazioni relative ai lavori dell’impianto elettrico eseguito da “La Daga”, ditta subappaltatrice. Il sindaco ha perso la pazienza e ha effettuato anche una segnalazione all’Autorità per la vigilanza sugli appalti dei lavori pubblici.
 

Tutto rimandato quindi. A quando non si sa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento