menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianfranco Grandaliano

Gianfranco Grandaliano

OGA, Landella rinuncia all’incarico di sub-commissario e lo passa a Grandaliano

Il sindaco di Foggia: "Rinuncio all'incarico sino a quando non sarà chiarita la vicenda riguardante le indagini avviate dalla Procura sulle condizioni ambientali di Passo Breccioso»

Su segnalazione di Franco Landella – “anche in virtù dell’esperienza e della conoscenza delle questioni riguardanti il tema del ciclo dei rifiuti maturate alla guida dell’azienda” - Gianfranco Grandaliano è stato nominato sub-commissario dell’OGA, l’Organo di Governo d’Ambito-Ambito Territoriale Ottimale rifiuti). Il sindaco di Foggia ha rinunciato all’incarico dopo gli ultimi avvenimenti legati alle indagini che la Procura della Repubblica ha avviato a Foggia intorno alle condizioni ambientali della discarica di Passo Breccioso: “Fase che mi impone l’opportunità di non accettare la nomina del presidente della Regione sino al chiarimento della vicenda, che ringrazio per la fiducia manifestata nei miei confronti”

Sottolinea il primo cittadino: “Il percorso per il ridisegno della legge regionale sul ciclo dei rifiuti annunciata dal Governatore, al quale sono legati i commissariamenti delle OGA della Puglia, si configura come un processo in cui, sono certo, i sindaci e gli enti locali potranno e sapranno recitare un ruolo decisivo e propositivo utile a superare le contingenze attuali sfruttando la leva della programmazione intelligente”.

Queste invece le parole del presidente di Amiu Puglia: “Quella del sindaco di Foggia è una proposta che mi inorgoglisce e per la quale voglio esprimergli il mio sincero ringraziamento. Un gesto che considero di grande responsabilità soprattutto per le ragioni che lo sorreggono. Il presidente Emiliano ha dunque accolto la segnalazione del primo cittadino ed ha già provveduto a firmare il mio decreto di nomina. Assumo sin d’ora l’impegno a svolgere questo incarico avendo come unico e solo punto di riferimento l’interesse del territorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento