rotate-mobile
Politica

Conte ha paura, teme che la situazione possa sfuggirgli di mano: "Non ci sono le condizioni per un ritorno alla normalità"

Ribadisce le date del 18 maggio e del 1 giugno per altre riaperture e conferma le anticipazioni giunte da Palazzo Chigi circa la definizione di 'congiunti': "E' una forma ampia". I fidanzati potranno vedersi. Allo studio un piano per l'infanzia e uno di massima sicurezza per le celebrazioni liturgiche

Un'ammissione vera e propria: "Non ci sono le condizioni per ritornare alla normalità". Forse, nemmeno quelle per convivere con il virus. E' sotto gli occhi di tutti che la fase due altro non è che la stessa di oggi con qualche allentamento che si aggiunge al tentativo di riavviare il motore dell'economia ripartendo da manifattura, trasporti e costruzioni.

Che la fase definita generosamente 'due' non sarebbe stata quella della liberazione dal virus, ma della convivenza con l'infezione da Coronavirus, era chiarissimo. Non è questo il punto sul quale in Italia si è acceso il dibattito.

Probabilmente ci si aspettava una risposta più robusta, efficace, una road map dettagliata e incisiva. Chiara. C'è la crisi che morde e che costringerà decine di commercianti e imprenditori a chiudere. Molti lo hanno già fatto o annunciato. 

La verità è anche un'altra, ovvero che il premier teme comportamenti imprudenti e irresponsabili. Lo dice. Teme che la situazione possa sfuggirgli di mano, che la curva epidemiologica possa tornare a salire.. Lo ammette. "Non ce lo possiamo permettere, dobbiamo preservare la salute di tutti i cittadini". 

E agli Italiani inviperiti e delusi risponde. "Non cerchiamo il consenso". Sa bene che il nuovo dpcm scontenterà la maggioranza di essi, ma "non è questo il momento del 'libera tutti". 

Ribadisce le date del 18 maggio e del 1 giugno per altre riaperture e conferma le anticipazioni giunte da Palazzo Chigi circa la definizione di 'congiunti': "E' una forma ampia". I fidanzati potranno vedersi. Ci si potrà allontanare per fare attività sportiva e motoria. Saranno poi i sindaci a valutare se autorizzare o sospendere l'accesso a parchi, giardini pubblici e ville comunali. 

Si dispiace per le celebrazioni liturgiche ma tiene aperta una finestra: "C'è una grossa rigidità da parte del comitato tecnico-scientifico, ma lavoreremo per definire un protocollo di massima sicurezza". Genitori arrabbiati? "Stiamo studiando un piano per l'infanzia".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conte ha paura, teme che la situazione possa sfuggirgli di mano: "Non ci sono le condizioni per un ritorno alla normalità"

FoggiaToday è in caricamento