menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'aeroporto Gino Lisa

L'aeroporto Gino Lisa

La Regione dimentica il Gino Lisa. Il comitato sbotta: “La pazienza è scaduta”

L’avv. Maurizio Gargiulo, presidente del comitato che da anni combatte per la riattivazione dello scalo aeroportuale di Foggia, ne ha per tutti e annuncia battaglia

L’aeroporto Gino Lisa torna al centro delle polemiche. Ancora una volta il comitato guidato dall’avvocato Maurizio Antonio Gargiulo evidenzia “la logica negazionista della classe politica regionale”. Questo – precisa il presidente – “alla luce dell’assoluto vuoto informativo da parte della Regione Puglia, in relazione ai nominativi degli esperti offerti dagli enti locali, Comune di Foggia e Camera di Commercio, in gran parte suggeriti e sostenuti da questo comitato – l’avv. Romano per la parte giuridica e l’ing.  Petracca per la parte economica - e cosa più importante alla luce dell’assoluta inoperatività della Regione in relazione alle redazione delle due notifiche promesse e dell’inserimento dell’aeroporto di Foggia nell’annunciato bando pubblico destinato alle compagnie aeree interessate a investire nel sistema pugliese”

Il comitato che da anni si occupa delle vicende dello scalo aeroportuale foggiano incalza: “il Gino Lisa – per loro - non è un aeroporto da sostenere!” Che l’aeroporto di Capitanata non fosse realmente e politicamente parte integrante di questo sistema aeroportuale ci era noto, ormai, dal 2011, ossia da quando furono interrotti i rapporti commerciali con l’unica compagnia che aveva portato voli e numeri sullo scalo, nonostante le deficienze strutturali della pista e della torre. Non abbiamo mai sperato, successivamente, che questa logica politica cambiasse spontaneamente, nemmeno con l’arrivo degli assessori Di Gioia, prima, e Piemontese dopo.

Gargiulo affonda il colpo: “Assessori regionali al Bilancio, in epoche distinte, ma caratterizzate dall’assoluta incapacità di dare spazio all’esigenza di questo territorio di avere una infrastruttura necessaria e strategica per lo sviluppo turistico, commerciale e industriale della provincia di Foggia (nessun interesse nazionale, anzi declassamento, e nessun avvio dei lavori di allungamento della pista, anzi ritiro della notifica del 2014, completamente sbagliata).

Nel mirino del comitato anche il Comune di Foggia: “Una infrastruttura che, se messa in condizione di operare, avrebbe tolto certamente spazio e numeri ad altre realtà regionali, sovradimensionate e sostenute per ragioni evidenti, visto i cospicui investimenti, a carico della Regione, in uso e vantaggio esclusivo di Bari e Brindisi, con pace eterna per il presunto sistema aeroportuale. Ci consola, relativamente, che la Uil regionale abbia di recente posto, nuovamente, l’attenzione sul problema, evidenziando i differenti trattamenti. Ma dove stava quando l’abbiamo chiamata a manifestare a Foggia con noi? Ci amareggia e preoccupa molto, invece, che il Comune di Foggia, ad oggi, a distanza di ormai diversi mesi, non abbia dato pubblico spazio al parere legale, già acquisito e trasmesso in Regione, a firma dell’ Avv. Romano, sulla questione della possibilità che il cofinanziamento del 25% possa essere a carico di Aeroporti di Puglia spa, impresa pubblica a partecipazione regionale. Non comprendiamo i perché e i possibili vantaggi nel mantenere questa segretezza sul contenuto che potrebbe aiutare tutti a comprendere se le valutazioni sino ad oggi fatte dalla Regione siano tutte correttamente fondate su ragioni di diritto o se questo comitato ha (ancora una volta ) offerto in anticipo una corretta lettura delle norme sugli aiuti di stato”.

Alla luce di questo ennesimo capitolo negativo il comitato che porta il nome del ‘Gino Lisa’, si schiera dalla parte dei sostenitori della rete annunciando un’iniziativa per smuovere questa situazione di stallo: “Ci è chiaro che i cortei e i sit-in, organizzati sino ad oggi, hanno prodotto effetti limitati (anche per la scarsa o assente adesione proprio delle organizzazioni sindacali ). L’appello lanciato dalla rete è quello di essere più energici. Non possiamo che cogliere questo invito dei cittadini comuni e preannunciare che, a fronte di questa debacle politica, ci vedremo costretti a sostenere nelle sede opportuna una doverosa azione di forza”.

Gargiulo e l’ing. Petracca parteciperanno al convegno del 13 luglio presso la Sala Propilei sulla mobilità in Capitanata organizzato dal un gruppo consiliare misto del Comune di Foggia, a cui appartiene il consigliere comunale, il dott. Marcello Sciagura (componente anche del nostro direttivo). “Il tempo delle chiacchiere ha abbondantemente superato ogni confine. La pazienza è scaduta a febbraio di quest’anno. Lo avevamo detto. Ognuno si assuma la propria responsabilità per quanto non fatto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento