De Leonardis sta con i 29 sindaci dei Monti Dauni: "Ignorati dal CIS, riaprite il tavolo di concertazione"

Il consigliere regionale: "I progetti presentati sono stati ignorati, senza argomentazioni credibili e convincenti: per questo, mi associo alla richiesta di riapertura del Tavolo di Concertazione, per garantire uno sviluppo omogeneo e uniforme alla provincia di Foggia"

Giannicola De Leonardis

"Condivido pienamente le preoccupazioni e le istanze dei 29 sindaci dei Monti Dauni, per l'iniqua distribuzione e ripartizione delle risorse del Contratto Istituzionale per lo sviluppo della Capitanata, e per la mancata - nonostante fosse doverosa - considerazione delle aree interne e dei loro territori, che presentano gravi e cronici problemi di viabilità e mobilità, e una dotazione infrastrutturale irrisoria".

I sindaci dei Monti Dauni: "Pronti a consegnare le fasce"

Così il consigliere regionale Giannicola De Leonardis, che si schiera al fianco dei sindaci del comprensorio. "I progetti presentati sono stati ignorati, senza argomentazioni credibili e convincenti: per questo, mi associo alla loro richiesta di riapertura immediata del Tavolo di Concertazione del C. I. S. Capitanata, con il coinvolgimento di tutti gli attori istituzionali interessati, per garantire uno sviluppo omogeneo e uniforme alla provincia di Foggia. Individuando e rivedendo priorità e carenze, scongiurando discriminazioni intollerabili e assicurando una visione e una prospettiva d'insieme, ancora e sempre assenti nella programmazione e nelle politiche regionali e nazionali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Tragedia in strada: mezzo compattatore in retromarcia investe e uccide un passante

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento