Domenica, 26 Settembre 2021
Politica

Meglio la gestione diretta delle entrate: il Comune di Foggia pronto a internalizzare anche i tributi minori

Il nuovo atto di indirizzo, che modifica parzialmente la decisione del Consiglio comunale del 15 febbraio scorso, è contenuto in una proposta di deliberazione del commissario straordinario in attesa del parere dei revisori

Il Comune di Foggia potrebbe scegliere di internalizzare anche la gestione e riscossione dei cosiddetti tributi minori, ora canone unico patrimoniale, e degli oneri di urbanizzazione, diversamente da quanto deliberato dal Consiglio comunale il 15 febbraio scorso.

Il nuovo atto di indirizzo è oggetto di una proposta di deliberazione del commissario straordinario del 14 luglio, formulata dalla dirigente del Servizio Integrato Attività Economiche Maria Concetta Valentino. Si attende il parere del Collegio dei revisori.

Nella seduta del 15 febbraio, il Consiglio si era espresso a favore del ricorso a un concessionario esterno per tutte le fasi relative alla gestione dell’Imposta Comunale sulla Pubblicità, del Canone Occupazione Spazi e Aree Pubbliche, dei Diritti sulle Pubbliche Affissioni e degli oneri di urbanizzazione, e della gestione diretta in economia per la riscossione volontaria, liquidazione ed accertamento dell’Imposta Municipale Propria, della Tassa sui Rifiuti, del Tributo per i Servizi Indivisibili, delle sanzioni relative alla violazione del codice della strada e delle altre entrate patrimoniali ed a domanda individuale dell’Ente (mense scolastiche, asili nido, scuole materne, trasporto scolastico, fitti attivi, eccetera), con affidamento del servizio di supporto ed affiancamento agli uffici comunali.

Due mesi dopo, però, era spuntata una proposta di deliberazione datata 27 aprile con la quale i consiglieri firmatari hanno proposto di estendere la modalità di gestione dei tributi maggiori anche ai tributi minori. Era stata richiesta la convocazione del Consiglio comunale in via d'urgenza che non si è più espresso prima del commissariamento del Comune di Foggia.

Qualora il commissario straordinario approvasse l'atto di indirizzo che prevede l'internalizzazione anche per la gestione dei tributi minori, l’Amministrazione comunale procederebbe ad un'unica gara di appalto per l’affidamento del servizio di supporto tecnico e amministrativo ed affiancamento agli uffici comunali finalizzato alla gestione delle entrate tributarie, extratributarie e patrimoniali dell’Ente, attualmente svolto dalla società Andreani Tributi srl, e il servizio sarebbe attribuito ad unico operatore economico. In tal caso, la gara potrebbe essere bandita già ai primi di settembre.

Per il momento, nelle more della definizione della riorganizzazione del servizio di accertamento e riscossione delle entrate tributarie e patrimoniali e delle procedure di gara per l'affidamento del servizio di supporto e affiancamento, il contratto stipulato a febbraio del 2020 con Andreani Tributi, in scadenza al 31 luglio, è stato prorogato al 30 novembre.

Secondo le valutazioni riportate nella proposta di deliberazione, l'eventuale adozione, per i cosiddetti tributi minori e oneri di urbanizzazione, di una identica tipologia di gestione rispetto a quella decisa per gli altri tributi comunali risulterebbe ottimale "al fine di creare un sistema di gestione centralizzato, efficiente e tempestivo, anche alla luce della normativa del Codice dei Contratti che impone un'importante riflessione sulle forme di affidamento a terzi dei servizi". I dirigenti competenti per materia concordano sulla scelta della gestione diretta in economia anche per il Canone Unico Patrimoniale e gli oneri di urbanizzazione con un servizio di supporto e affiancamento, considerata la carenza di personale e la mancanza di formazione specialistica.

In premessa si sostiene, peraltro, che "attualmente tutte le attività relative alla liquidazione e accertamento entrate comunali sono gestite con professionalità e competenza in forma diretta, pur in carenza di risorse umane, con l'ausilio di un supporto tecnico esterno".

In più, si ritiene necessario evidenziare negli atti delle procedura di appalto che il supporto agli uffici comunali contempli anche quello di natura legale, considerato che la materia è spesso foriera di contenzioso. ll servizio di supporto e affiancamento, sulla scorta delle valutazioni del dirigente dei Servizi Finanziari e del segretario generale, dovrebbe avere una durata di almeno 3 anni e nel bando sarà prevista la clausola per la salvaguardia dei livelli occupazionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meglio la gestione diretta delle entrate: il Comune di Foggia pronto a internalizzare anche i tributi minori

FoggiaToday è in caricamento