A Lesina la Lega fa saltare il banco. Cade l'amministrazione Cristino dopo un anno di vita

La maggioranza non ha retto agli scossoni dei mesi scorsi. La Lega trova sponda nel centrosinistra e manda tutti a casa.Hanno decretato lo scioglimento del Consiglio comunale le firme di sette consiglieri

Finisce anzitempo l'esperienza civica a trazione leghista alla guida del Comune di Lesina per un anno appena. Cade l'amministrazione Cristino.

Non ha retto all'amputazione del partito di Salvini che l'ha fatta collassare. Le crepe nella maggioranza hanno determinato lo sfascio. Già nei giorni scorsi si ventilava l'epilogo. Vane le manovre per salvare l'amministrazione. Ieri le firme davanti al notaio di sette consiglieri comunali hanno messo la parola fine alla breve consiliatura.

Hanno deciso lo scioglimento del consiglio comunale Primiano Di Mauro, Leonardo Bramante, Leonardo Ippolito, Maria Libera Pegoli, Vincenzo Marotta, Mario Cardarelli, Antonella Nunzia Basile.

L'operazione è stata orchestrata dai leghisti che dopo l'estromissione di Leonardo Bramante avevano lanciato la controffensiva culminata un mese fa con le dimissioni del vice sindaco Primiano Di Mauro. Il sindaco Roberto Cristino si era smarcato rivendicando orgogliosamente la connotazione civica della sua squadra. E il braccio di ferro non era finito.

Col coltello tra i denti, i leghisti avrebbero neutralizzato anche gli ultimi tentativi di rimestare nuove alleanze. Hanno trovato sponda nella 'Lista Civica Lesinese' che aveva sostenuto Vincenzo Marotta, l'erede naturale dell'ex sindaco Pasquale Tucci, e in una consigliera di 'Lesina Viva' (la lista di Rossella Giovanditti). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bocche cucite fino a ieri sera tra i salviniani. Hanno vinto la prova di forza e hanno fatto saltare il banco. Si va tutti a casa. Si tornerà alle urne alla prossima tornata elettorale utile e, dunque, con tutta probabilità si voterà a settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento