menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

La città si riappropria dei suoi tesori: "Ma è merito dell'amministrazione Di Iasio"

La coalizione politica "Monte nel cuore" mette i puntini sulle 'i': "Fu il sindaco di Iasio che, appena insediatosi, si adoperò perché Monte Sant’Angelo, sito Unesco per la Basilica di San Michele Arcangelo, ottenesse i finanziamenti”

La coalizione politica 'Monte nel Cuore' che contribuì all'affermazione elettorale a sindaco di Antonio Di Iasio, mette i puntini sulle ’i’ per dare a Cesare quel che è di Cesare. “Abbiamo appreso, con soddisfazione, che venerdì 18 dicembre, saranno riconsegnati alla città i beni culturali di Monte Sant’Angelo ristrutturati a seguito di un finanziamento nell’ambito dei POin attrattori culturali, naturali e turismo. Ma sarebbe giusto ricordare che quei finanziamenti furono frutto del grande lavoro svolto dall’Amministrazione del sindaco di Iasio che, appena insediatosi, nel 2012, si adoperò perché Monte Sant’Angelo, sito Unesco per la Celeste Basilica di San Michele Arcangelo, ottenesse i finanziamenti”.

Ricordano gli esponenti della coalizione: "Infatti, era il 2 aprile 2014, quando, in un incontro tenutosi presso la sala conferenza della biblioteca comunale, vennero presentati i progetti del Comune di Monte Sant’Angelo e della Soprintendenza regionale, finanziati dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. “Monte Sant’Angeloottenne un finanziamento di circa 5 milioni di euro per il restauro, la riqualificazione e la valorizzazione di importanti siti archeologici e strutture architettoniche: il fossato del Castello, l’ex chiesa di Santo Stefano, il Museo “G. Tancredi”, l’Abbazia di Pulsano e la “Cittadella Micaelica”. Tanto per dovere di cronaca”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento