Nicola Zingaretti sceglie ‘Milena’, la coraggiosa donna carabiniere di Stornarella

Nel 2005 Filomena Di Gennaro fu raggiunta da 4 colpi d'arma da fuoco sparati dal suo ex. Correrà per la carica di consigliere regionale del Lazio

Filomena Di Gennaro

Nella ‘Lista civica per Nicola Zingaretti’, candidato del centrosinistra alla Regione Lazio, ci sarà anche Filomena Di Gennaro, la donna carabiniere gravemente ferita anni fa dal suo ex fidanzato e ora moglie di chi quel giorno le ha salvato la vita, un tenente dell'Arma. Trentaquattrenne originaria di Stornarella, oggi vive a Roma su una sedia a rotelle e ha due gemelli.

Era 13 gennaio 2005 quando a Roma il suo ex fidanzato, un compaesano di nome Marcello, le sparò quattro colpi di pistola per strada con l'intento di ucciderla. A fermarlo fu un carabiniere che era con lei. La 'colpa' di Filomena, per tutti Milena, era stata quella di aver lasciato Marcello, questo il nome dell'ex, di essere diventata una donna emancipata, l'unica del suo paese ad aver vinto un concorso dell'Arma dei carabinieri e di aver frequentato un corso di allievo maresciallo.

Milena ha più volte raccontato, in tv ma anche nel suo blog, che questo era sempre stato il suo sogno fin da piccola. In provincia di Roma si era trasferita con il padre ma ormai la storia con Marcello le stava stretta, gli voleva bene ma come un fratello.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

Torna su
FoggiaToday è in caricamento