Unità nazionale e festa delle Forze Armate: il messaggio di Mongelli

Un forte senso di responsabilità politica deve portare l’Italia a rinnovarsi, a diventare più moderna e più giusta, a consolidare la sua unità e non a dividersi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

mongelli_2_original4 novembre/ Festa delle Forze Armate e Unità nazionale - Il messaggio del sindaco di Foggia, Gianni Mongelli

"Autorità Militari e Civili, Rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, Cittadini di Foggia, la ricorrenza del 4 novembre celebra il giorno dell'Unità Nazionale e la Festa delle Forze Armate che questa Unità hanno conquistato e che oggi tutelano il ruolo primario dell’Italia nel mondo.

L’Unità Nazionale è il bene più prezioso e supremo di noi cittadini italiani, perché è il risultato di eventi storici epici e dolorosi, delle privazioni e delle sofferenze sopportate dai nostri padri. E’ l’esito glorioso delle dure lotte per l’Indipendenza e del nostro esaltante Risorgimento, delle atroci ferite delle due guerre, della Liberazione dalla dittatura e dall’occupazione.

Questa Unità va preservata tenacemente dalla minaccia di contrasti intestini e dai deliri secessionisti, perché - seppur legittime sono le esigenze di federalismo manifestate dalle amministrazioni locali - solo consolidando la comune identità del Paese e la sua coesione potremo valorizzare e potenziare le nostre risorse ed affermarci sempre di più nel concerto mondiale e delle nazioni europee.

Ed in questo particolare e difficile momento storico, adesso che la crisi mondiale costa al Paese tanti sacrifici, sentirsi Italiani, sentirsi una Nazione unita e solidale vuol dire riconoscere i problemi di ogni parte sociale come problemi di tutti.

Il confronto tra le opposte parti politiche deve prefiggersi questo risultato e non produrre il conflitto o lo scontro fine a sé stesso: un forte senso di responsabilità politica deve portare l’Italia a rinnovarsi, a diventare più moderna e più giusta, a consolidare la sua unità e non a dividersi.

Unità che si rispecchia nelle Forze Armate e nel ruolo primario assegnato all'Italia, nell'ambito del sistema di sicurezza internazionale e nel processo di crescita mondiale, grazie alla professionalità e all’umanità delle donne e degli uomini che ne sono parte attiva e integrante.

Le Forze Armate sono protagoniste di una strategia di sicurezza attenta alle esigenze di un mondo coinvolto da profondi mutamenti: diffondere i valori e gli obiettivi di pace, democrazia e sviluppo ben oltre i nostri confini nazionali e d'Europa. Per queste ragioni ad esse rivolgiamo il nostro più sentito ringraziamento.

Vorrei a questo proposito ricordare il tragico destino toccato in sorte ai nostri militari impegnati in missioni di pace che, in questo ultimo anno, sono state – purtroppo - numerose. L’Amministrazione Comunale e l’intera Città di Foggia si stringono alle famiglie delle vittime nel loro immenso dolore.

Ci consoli almeno pensare che il loro sacrificio non è stato vano, perché nel mondo che vogliamo i valori di solidarietà e pace devono essere il fondamento, e non potrà esserci vera sicurezza mondiale se permarranno focolai di minaccia alla democrazia.

Sono queste le ragioni che ci spingono ad esprimere il nostro commosso, sincero e reverente omaggio, nonché la nostra incondizionata gratitudine alle Forze Armate d’Italia.

Viva le Forze Armate! Viva l’Italia!".

Torna su
FoggiaToday è in caricamento