Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica Rione Diaz / Via del Mare

Foggia città denuclearizzata, Rizzi: "Ma il sito della 'fabbrica segreta' è stato bonificato?"

In quell'edificio, in realtà, si producevano armi chimiche per la seconda guerra mondiale, a base di Iprite e Fosgene, gas messi al bando dalla Convenzione sulle Armi chimiche del 1993

A Foggia è stata mai eseguita la necessaria bonifica del sito in cui si producevano armi chimiche durante la seconda guerra mondiale? Se lo chiede il consigliere comunale Vincenzo Rizzi che così ripercorre la storia della “fabbrica segreta” nella quale si lavorava Iprite e Fosgene, due gas catalogati dalle Nazioni Unite come armi di distruzione di massa le cui produzioni e stoccaggi furono messi al bando dalla Convenzione sulle Armi chimiche del 1993.

“Sono in pochi a sapere che a Foggia, in via del Mare, in corrispondenza del cartello “Foggia città denuclearizzata”, all’interno della recinzione dei terreni della cosiddetta “Cartiera”, durante la seconda guerra mondiale, c’era una fabbrica che produceva tali armamenti, e pare che i suoi resti e il sito della fabbrica abbandonata non siano stati mai bonificati”, spiega Rizzi.

Alcuni studiosi ipotizzano che la presenza della fabbrica nel nostro territorio fu una delle cause dei furiosi bombardamenti dell’estate del 1943 da parte degli alleati. “La fabbrica oggi abbandonata, realizzata nel 1941 dai fascisti sotto la guida di esperti tedeschi (spacciata per fabbrica di birra) entrò in funzione nel 1943 per essere distrutta nello stesso anno, prima della ritirata dei Nazisti, sorge a ridosso di un centro abitato, ed è circondata da campi agricoli”.

“Il sito venne distrutto il 26 settembre del 1943. La scelta di questo giorno, in cui il vento non soffiava verso le linee nemiche distanti circa 10 Km, aveva il preciso intento di evitare che da esse potesse partire un contrattacco pensando che l’odore fosse dovuto ad un attacco chimico. La distruzione della fabbrica avvenne senza preoccuparsi minimamente di evitare la contaminazione dei resti e dell’area circostante, anzi furono posti dei cartelli che occultavano la reale natura della fabbrica. Ovviamente gli alleati non tardarono a comprendere di cosa si trattasse”.

Presso l’archivio di stato di Foggia – ricostruisce ancora Rizzi - è possibile reperire il carteggio con il quale il prefetto di Foggia nel 1948 tentò di adoperarsi per la bonifica del sito, utilizzando gli stessi operai che vi avevano lavorato, ma tale proposta non fu accolta dal Ministero della Difesa non ritenendo idoneo l’utilizzo di semplici operai per bonificare il sito, data l’elevata pericolosità. Ci sono testimoni che raccontano che per molti anni in tutta l’area che circondava la fabbrica non crebbe mai erba”.

“Ma com’è possibile che a Foggia, nonostante la Costituzione sancisca nell’articolo 32, la tutela della salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività, a distanza di 71 anni ci si debba ancora preoccupare di una fabbrica segreta nazi-fascista che produceva armamenti chimici? E che, ad oggi non sono ancora pervenute notizie sull’avvenuta bonifica del territorio con il conseguente grave rischio di salute per i residenti e per chissà quante altre persone, considerando che l’area in questione è un terreno agricolo”.

Il consigliere comunale, su richiesta di Foggi Attiva, si è fatto portavoce in Consiglio comunale di un’interrogazione nella quale intende chiedere al sindaco, al presidente del Consiglio comunale e all'assessore all'Ambiente di procedere ad istituire un tavolo tecnico con tutte le autorità competenti (Arpa, ASL, Istituto Superiore della Sanità, IZP, ecc.) allo scopo di verificare se sussistono pericoli oggettivi per la salute pubblica e nel caso, di procedere ad una bonifica del sito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia città denuclearizzata, Rizzi: "Ma il sito della 'fabbrica segreta' è stato bonificato?"

FoggiaToday è in caricamento