Ex Distretto Militare, così è deciso: i rilievi delle famiglie non minano la posizione del Comune

La replica dell'Amministrazione comunale, che sul pagamento delle utenze precisa: "meessa in campo un'attività di verifica generale delle utenze a carico per valutarne la legittimità e, ove necessario, provvedere al distacco"

Protesta delle famiglie davanti al comune (Repertorio)

I rilievi formulati da alcuni nuclei familiari occupanti la struttura dell’ex Distretto Militare non contraddicono né minano in alcun modo la fondatezza della posizione assunta dall’Amministrazione comunale, con riferimento alla destinazione dell’ex Caserma Oddone.

Il Consiglio comunale ha deciso di utilizzare la struttura di via Fuiani esclusivamente per fini di carattere istituzionale, destinando la struttura ad uffici pubblici. La documentazione posta a corredo delle contestazioni da parte delle famiglie dell'ex Distretto Militare meritano alcune precisazioni da parte dell'Amministrazione Comunale.

LEGGI: DISTRETTO MILITARE, LE FAMIGLIE TIRANO FUORI LE CARTE

"In primo luogo il vincolo di utilizzo posto dal Demanio Militare esiste e si può evincere chiaramente dal Decreto di trasferimento dell’immobile al Comune di Foggia, firmato il 28 maggio 2015 a Bari", spiegano dal Comune. "In quell’atto, infatti, è espressamente richiamata la deliberazione del Consiglio comunale numero 124 del 20 marzo 2015, con la quale l’Assemblea consiliare, con votazione unanime, stabilì di destinare l’ex Distretto Militare a finalità pubblico-istituzionale ad uso diretto dell’Ente quali sedi istituzionali e di rappresentanza, uffici ecc.”

"Ne deriva, dunque, che la clausola di salvaguardia, disciplinata dall’articolo 3 del Decreto di trasferimento e sulla base della quale “trascorsi tre anni dal presente trasferimento, qualora all’esito di un apposito monitoraggio effettuato dall’Agenzia del Demanio risultasse che il Comune di Foggia non utilizzi il compendio oggetto del presente provvedimento, lo stesso rientrerà nella proprietà dello Stato nella situazione in cui si trova, senza che il Comune possa pretendere dallo Stato alcunché a qualsiasi ragione o titolo”, sia evidentemente riferita alle finalità di utilizzo del bene previste dalla deliberazione del Consiglio comunale".

LEGGI ANCHE: PUGNO DI FERRO DEL COMUNE: "MAI PIU' PER SCOPI ABITATIVI"

Parallelamente al lavoro condotto al fine di acquisire al patrimonio comunale la struttura dell’ex Distretto Militare, l’Amministrazione comunale aveva messo in campo un’attività di verifica generale delle utenze pagate dal Comune di Foggia, in modo da poterne valutare la legittimità e, ove necessario, provvedere al loro distacco. Un iter previsto da un preciso atto di indirizzo formulato dal sindaco Franco Landella alla tecnostruttura al momento dell’insediamento e imposto dalla Corte dei Conti nell’ambito dei vincoli previsti dal Piano Salva Enti approvato dal Comune di Foggia.

"In conseguenza di questo percorso, avvalorato anche dalle risultanze del blitz effettuato nel 2015 dalla Guardia di Finanza nella struttura, il Comune di Foggia decise, per l’arco di tempo necessario alla liberazione dell’immobile per la sua destinazione a fini istituzionali,  di non far gravare i costi delle utenze degli occupanti sul bilancio comunale, dunque sui cittadini foggiani, anche per scongiurare una situazione che avrebbe configurato palesemente un danno erariale".

Conclude la nota stampa: "Di qui la comunicazione inviata alle famiglie occupanti, affinché provvedessero a proprie spese ai lavori necessari ad allacciare le utenze di energia elettrica ed acqua ai singoli alloggi e si facessero carico dei costi relativi ai consumi. Non c’è dunque alcuna contraddizione nei passaggi compiuti dall’Amministrazione comunale e nelle motivazioni illustrate ieri, in forza delle quali è stata esclusa la possibilità di utilizzare l’ex Caserma Oddone per scopi abitativi. Ipotesi che, in virtù della clausola di salvaguardia, determinerebbe la perdita della proprietà della struttura da parte del Comune di Foggia, con la sua conseguente restituzione allo Stato e la produzione di un danno erariale.  

SCARICA LE MOTIVAZIONI DEL TRIBUNALE: Motivazioni Tribunale ex Distretto-2

SCOPERCHIATA LA BASE LOGISTICA DELLA MALAVITA: NOMI ARRESTATI

OCCUPATO ABUSIVAMENTE DA 15 ANNI, UTENZE LE PAGAVA IL COMUNE

LA PROCURA: "IL CASO PIU' ECLATANTE DI OCCUPAZIONE ABUSIVA"

BLITZ IN VIA FUIANI: IL COMMENTO DEL SINDACO DI FOGGIA

SGOMBERATI LOCALI PRESSO L'EX DISTRETTO MILITARE: IL VIDEO

PROTESTANO LE FAMIGLIE CHE OCCUPAVANO LA STRUTTURA

DISSEQUESTRATO L'EX DISTRETTO MILITARE DI VIA FUIANI

DISSEQUESTRO: LA PROCURA ATTENDE LE MOTIVAZIONI

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

  • Ultim'ora | Shock in via Tiro a Segno, a Cerignola: auto investe sei adolescenti, due sono gravissimi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento