A Biccari “non è tutto oro quel che luccica”. Eolico? “Regalo frutto di un conflitto d’interesse del sindaco”

BiccaRiparte e Partito Democratico criticano l’operato dell’amministrazione comunale. Dure accuse su eolico, mensa e raccolta rifiuti

Biccari

Sabato scorso si è svolto a Biccari il ‘Forum dell’opposizione’, indetto dal gruppo consiliare di minoranza ‘BiccaRiparte’ e dal Partito Democratico. L’incontro con la cittadinanza ha toccato numerosi argomenti legati all’attività amministrativa, su alcuni dei quali la minoranza esprime da anni posizioni molto critiche.

In particolare l’attenzione del capogruppo in Consiglio comunale Giovanni Picaro si è focalizzata sulla questione dei lavori pubblici, con l’accusa all’amministrazione comunale di immobilismo e di aver realizzato finora prevalentemente opere con finanziamenti ereditati dal passato, e con una gestione delle gare d’appalto molto discrezionale.

Sulla questione eolico, si è contestato all’amministrazione di aver aderito ad una transazione con le società proprietarie dei parchi eolici che ha portato nelle casse comunali solo 250mila euro invece che 840mila per gli anni 2015 e 2016, e 200mila euro annui dal 2017 in poi in luogo dei 400mila euro previsti dalla convenzione. “Un vero e proprio regalo frutto - secondo la minoranza - del conflitto d’interessi in capo al sindaco Mignogna, per anni dipendente e poi consulente di Fortore Energia, la società che ha costruito i parchi eolici a Biccari e che ha firmato la convenzione col Comune per le royalties, alle cui dipendenze risulta ancora la moglie del sindaco”.

Critiche sono state rivolte anche alla politica di bilancio dell’Amministrazione, “per l’assenza di sgravi a favore di particolari contribuenti, per il mancato introito di risorse dai beni comunali, come il Parco Avventura, per la mancanza dei risparmi annunciati (in primis la pubblica illuminazione che ha portato il paese quasi al buio) e per l’assenza di risorse destinate alla manutenzione del patrimonio comunale”

Particolare attenzione, inoltre, è stata dedicata alla gestione dei servizi pubblici, mensa e raccolta rifiuti, settori nei quali da anni, secondo la minoranza, “le gare vedono sempre un unico partecipante, che si aggiudica l’appalto senza ribassi, e quindi senza risparmio per i cittadini”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento