Tra dignità e cemento, Jacob: "Preferiamo una fedina penale sporca, al suicidio "

Il laboratorio politico di Via Mario Pagano interviene in merito al grave problema dell'emergenza abitativa, evidenziando le grandi contraddizioni di una città come Foggia

Il volantino

Via Sbano, Rione Candelaro, Via De Petra, Via D’Addedda. Quattro occupazioni nel solo mese di novembre, qattro tasselli in un mosaico che solo una politica miope non riesce ad intuire.

“L’emergenza abitativa – si legge nella nota stampa del laboratorio politico Jacob - è un fatto. A Foggia come altrove. E i rimedi sono sempre gli stessi: sgomberi e polizia. Denunce e arresti. ‘Tra i nostri compiti istituzionali c’è anche quello di difendere la proprietà’, ha dichiarato il vicequestore aggiunto, Fratepietro. La proprietà. E la speculazione”.

Eppure, evidenziano da via Mario Pagano, “non si è mai fermata, in questa città al collasso, la macchina del cemento. I costruttori ottengono dispense, riconversioni e condoni. I cantieri prendono il posto di ruderi e parcheggi. Palazzi sorgono ovunque, in centro come in periferia. Il valore degli immobili schizza alle stelle. In tempi di crisi, chi non avverte la crisi può permettersi il lusso di investire. Per tutti gli altri, affitti da metropoli e difficoltà crescenti. E una passeggiata tra filari di finestre chiuse, di appartamenti sfitti da anni. Da sempre”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’occupazione è solo un aspetto, il più estremo, della disperazione. Ma è anche un segnale di riscossa, di vitalità, di chi non ci sta a morire lentamente. Un messaggio per chi ha orecchio. Mentre chi specula fa profitti. Noialtri, nel sottoscrivere e condividere la pratica dell’occupazione, rilanciamo la lotta. Come precari tra i precari, chiediamo spazi, casa e reddito. Perché la nostra crisi dura da sempre. E preferiamo una fedina penale sporca, al suicidio per salvare banche e speculatori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento