Il Comune vuole eliminare le barriere architettoniche, ma servono tempo e risorse economiche

Sulla protesta dei radicali circa l’adozione del ‘Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche’ interviene il presidente della Commissione consiliare Socio-Culturale del Comune di Foggia, Antonio Vigiano

Il sit-in di protesta di questa mattina

Antonio Vigiano prova a far chiarezza dopo il sit-in di protesta di questa mattina davanti a Palazzo di Città da parte dei radicali foggiani, che per l’ennesima volta hanno invitato il Comune ad adottare il ‘Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche’. “Il PEBA non può e non deve essere considerato un insieme di “interventi spot”, realizzati senza un disegno complessivo.  Rimuovere ogni tipo di ostacolo per la vivibilità di Foggia da parte dei cittadini diversamente abili e mettere in campo politiche realmente inclusive sono e restano una priorità politica ed amministrativa. Non si spiegherebbe infatti diversamente l’inserimento del PEBA all’interno del Piano Triennale delle Opere Pubbliche. La mozione approvata dal Consiglio comunale, da questo punto di vista, ha rafforzato un obiettivo che l’Amministrazione comunale aveva già chiaro, anche con il dichiarato obiettivo di cambiare rotta rispetto al passato”

Il consigliere comunale di maggioranza prosegue: “Proprio perché la predisposizione del PEBA è un atto complesso ed articolato, occorre però comprendere che i tempi per la sua definizione non possono essere contingentati.  Dal momento dell’approvazione della mozione da parte dell’Assemblea consiliare, sono passati circa 60 giorni. Un lasso di tempo breve, che ha attraversato l’estate e nel corso del quale gli uffici sono stati impegnati, sul piano tecnico, su fronti importanti: dal progetto “Da periferia a periferia” fino alle azioni riguardanti le scuole, propedeutiche all’inizio del nuovo anno scolastico”.

Aggiunge il presidente della commissione consiliare socio-culturale: “L’associazione ‘Maria Teresa di Lascia’, dunque, non deve nutrire dubbi circa la volontà dell’Amministrazione comunale di compiere quello che è innanzitutto un atto di civiltà, che non può essere ridotto a qualche intervento sporadico che sarebbe chiaramente cosa diversa dall’adozione di un vero piano organico”.

E poi rassicura: “In quest’ottica gli uffici tecnici sono già al lavoro per effettuare il primo censimento delle barriere architettoniche presenti in città, al quale è strettamente legato il conferimento dell’incarico per la redazione del piano. Non può sfuggire, tuttavia, che dopo la predisposizione del Piano sarà comunque necessario provare a compiere uno sforzo economico rilevante per trasformare la fase progettuale in interventi concreti, anche verificando l’esistenza di eventuali canali di finanziamento extra-bilancio”.

Antonio Vigiano conclude: “Il nostro auspicio, dunque, è che attorno ad un tema così importante possa esserci una sintonia e non una divisione, una collaborazione e non uno scontro. Nella mia veste di presidente della Commissione Socio-Culturale, inoltre, annuncio sin d’ora la volontà di avviare rapidamente una fase realmente partecipativa, attraverso un ciclo di audizioni e confronti con il mondo dell’associazionismo, al fine di recepire istanze, suggerimenti ed indicazioni da inserire nel piano durante la fase della sua redazione, in un clima di sinergia e collaborazione con il lavoro condotto dagli uffici tecnici”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento