Regionali 2015, Buonarota vince il ricorso: è il primo dei non eletti tra i ‘Popolari’

Con 3018 voti il candidato consigliere regionale è secondo nella lista in cui è stato eletto Napoleone Cera. Terzo Giuseppe Miglionico

Luigi Buonarota

Nell’udienza del 9 febbraio, con sentenza definitiva, il Tar Puglia ha accolto il ricorso di Luigi Buonarota, che torna ad essere il primo dei candidati consiglieri regionali non eletti nella lista dei ‘Popolari’ con 3018 preferenze contro i 2987 voti attribuiti a Giuseppe Miglionico: “Sono stato incoraggiato a fare ricorso dai miei stessi elettori, dopo che per meri sbagli aritmetici gli uffici preposti al compito di controllo dei voti al fine della ufficializzazione dei risultati mi avevano attribuito un numero inferiore di preferenze, facendomi collocare in terza posizione” ha detto Buonarota.

Il consigliere comunale del Comune di Foggia spiega: “L’avv. Antonio Jannarelli di San Severo, a cui va tutto il mio più sincero apprezzamento per l’eccellente lavoro svolto, oltre che la mia stima personale, ha contestato la validità della mia collocazione al terzo posto nella lista dei Popolari, lista collegata con il presidente Michele Emiliano. Un’azione intrapresa e poi resa effettiva il 25 novembre 2015 quando il T.A.R. di Bari ha accolto le richieste istruttorie formulate nel ricorso introduttivo, disponendo  “Il riconteggio dei voti di preferenza avuto conto delle risultanze degli estratti dei verbali di tutte le Sezioni del Comune di Foggia e dei comuni della provincia” e perciò affidato al Prefetto di Foggia, tramite il suo delegato, dott. Mazzia, il compito di provvedervi.

Buonarota evidenzia: “Non nascondo le difficoltà intraprese, sia per la mole di documentazione da verificare, sia per i disagi cui il mio legale e io ci siamo dovuti sottoporre insieme al personale della Prefettura delegato, poiché i documenti verificati erano stipati nel deposito del Tribunale di Foggia privo di riscaldamento e carente di supporti tecnici preposti a tal compito”.

E ancora, sottolinea e conclude: “Fortunatamente la Cancelleria interessata, con solerzia, ha provveduto a rendere meno difficoltoso il gran lavoro svolto. Una nota di merito che va detta e riconosciuta pubblicamente. Le verifiche son durate molte settimane e si son concluse il 21 dicembre 2015 quando si è dato atto che il sottoscritto aveva conseguito un maggior numero di preferenze, in particolare 3018, rispetto a quelle assegnate al suo avversario processuale e pari a 2996”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento