menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il post incrimato

Il post incrimato

Su Fb le tariffe per presunta compravendita di voti. E Campo querela i grillini

Il candidato al Consiglio regionale per il PD annuncia querela nei confronti degli attivisti M5S che hanno diffuso su facebook un post diffamatorio: "Calunnia come strumento di propaganda"

Il colpo di coda della campagna elettorale per le Regionali Puglia 2015, a Manfredonia, è nello scontro tra Paolo Campo e i grillini, che si concretizzerà nella querela per diffamazione che il candidato al Consiglio regionale del PD formalizzerà nei confronti degli attivisti del Movimento 5 Stelle. Pietra dello scandolo, un post su Facebook nel quale si fa riferimento a presunte tariffe per la compravendita bipartisan dei voti.

La calunnia e la diffamazione sono gli strumenti della propaganda grillina, utilizzati da ‘cittadini’ intellettualmente disonesti ed eticamente deprecabili”, tuona Campo. “Io non ho mai, e ribadisco mai, pagato alcuno per rappresentarmi in un seggio elettorale e chi lo ha affermato ne risponderà davanti ad un giudice. Ho provveduto a segnalare alla polizia postale il profilo facebook di tale Carlo Baldassini e la pagina facebook del gruppo Risveglio Civile a 5 Stelle in cui si afferma che io pagherei ‘30/40 euro, solo su Foggia’. Nei confronti di entrambi i soggetti sporgerò querela per calunnia e intenterò un’azione di risarcimento in sede civile”.

Prosegue Paolo Campo: “Analoghe azioni saranno intentate nei confronti di chiunque abbia condiviso il post, che pubblico augurandomi che altrettanto facciano gli altri candidati al Consiglio regionale citati. Compresa l’onesta Rosa Barone, dalla quale mi aspetto solidarietà e scuse per la stupidità di questi suoi elettori. Gentaglia che non ha la minima idea di cosa voglia dire l’impegno civico e politico. Poveri di mente e di cuore capaci solo di sputare veleno sulle istituzioni e su chi le rappresenta”. Poi la stoccata finale: “Ora però mi sorge un dubbio: non è che il tariffario pubblicato sia quello delle frequentazioni di chi lo ha scritto?”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento