rotate-mobile
Regionali Puglia 2015 Cerignola

Affissione selvaggia, Giannatempo: “Il Rettore fa campagna elettorale per la sinistra”

Antonio Giannatempo, candidato al Consiglio regionale con la lista 'Oltre con Fitto' risponde alla nota stampa dell'Università di Foggia e alle dichiarazioni del Rettore Maurizio Ricci

Antonio Giannatempo, sindaco uscente di Cerignola, non ci sta e replica alle dichiarazioni del Rettore Maurizio Ricci, che attraverso una nota stampa divulgata dall’Università di Foggia, aveva denunciato l’affissione abusiva di materiale elettorale sui manifesti 6X3 della campagna istituzionale dell’ateneo dauno, principalmente di quelli targati Giannatempo, candidato al Consiglio regionale nella lista ‘Oltre con Fitto’.

La replica di Antonio Giannatempo | Leggo i resoconti giornalistici in merito ad una nota del magnifico rettore dell’Università di Foggia con la quale contesta “l’incivile affissione di manifesti di propaganda politica che oscurano una legittima campagna di comunicazione dell’ateneo dauno”. A corredo o a pretesto di tale rimostranza si accompagna la foto che ritrae i miei manifesti elettorali che coprono un bordo inferiore di un manifesto dell’università. Tanto è bastato per far partire il circo populista contro politici e politica.

Duole molto che ad aizzare la canea denigratoria sia stata la massima autorità culturale della nostra provincia. Mi rammarica che il professor Maurizio Ricci si copra con l’ermellino accademico per entrare direttamente nell’agone elettorale, strumentalizzando una cattiva abitudine, a cui ho rimediato da giorni, appena accortomi dell’affissione selvaggia, sollevando gli attacchini che si erano resi responsabili.

E’ nota a tutti la militanza di Ricci nei partiti che hanno dato vita al Partito Democratico ed è quindi evidente che egli si sia sentito in dovere di offrire il suo contributo alla coalizione di centrosinistra. Certo, non è una giustificazione la mia, ma mi verrebbe da dire da che pulpito viene la predica.

Se si vogliono rispettare le Istituzioni bisogna prima rispettare quelle di cui si ha rappresentanza e non utilizzarle come mezzo per ingraziarsi una parte politica, Avrebbe fatto meglio il rettore ad apostrofare tutti i candidati che hanno affisso manifesti in modo abusivo, girando per Foggia si nota bene come nessuno può scagliare la prima pietra, e non ad uscire in modo partigiano giusto per fare il primo della classe.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affissione selvaggia, Giannatempo: “Il Rettore fa campagna elettorale per la sinistra”

FoggiaToday è in caricamento