Giovedì, 28 Ottobre 2021
Elezioni Politiche 2013

Grande Sud si presenta alla città Foggia: “Territorio è la parola chiave”

Sul palco i candidati al Senato, Carmelo Morra e Adriana Poli Bortone e il candidato alla Camera, Michele Bonfitto

Pubblico delle grandi occasioni alla convention finale della campagna elettorale di “Grande Sud” che si è tenuta ieri al Cinema Cicolella di viale XXIV Maggio. Sotto la regia del coordinatore provinciale, il dott. Antonello De Leonardis, sul palco si sono alternati i candidati al Senato, Adriana Poli Bortone e Carmelo Morra e il candidato alla Camera, il consigliere provinciale, Michele Bonfitto.

La parola chiave del progetto politico di “Grande Sud” è territorio, vale a dire a ricostruzione di un legame solido tra rappresentanti e cittadini quale unico rimedio per superare l’ondata dilagante dell’antipolitica e dell’astensionismo. Per Grande Sud, ciò che occorre è ritornare a fare quella buona politica vicina agli ambiti locali, che sappia rappresentare gli interessi del proprio territorio nelle sedi istituzionali e che lotti perché vengano poste in essere le condizioni più favorevoli alla sua crescita.

“Crescita e sviluppo sociale ed economico sono ciò di cui il Mezzogiorno ha fortemente bisogno e Grande Sud intende quindi portare avanti la voce di questa parte d’Italia, che finora ha potuto contare su una scarsa attenzione da parte del governi nazionali che si sono succeduti. Non è bastata la politica assistenzialista di chi ha fatto solo finta di interessarsi ai problemi meridionali” affermano i rappresentanti del partito. “Solo un piano strutturale di valorizzazione delle risorse e di riequilibrio infrastrutturale tra il Nord e il Sud potranno annullare il divario esistente” puntualizzano

Sul tema fiscale non sono mancate le stoccate al governo Monti, accusato “di eccessiva pressione fiscale, accompagnata da una cospicua diminuzione degli investimenti”. “Monti altro non ha fatto che peggiorare ancora di più la situazione già difficile del Mezzogiorno che si ritrova più impoverito di prima e con un tasso di disoccupazione a dir poco preoccupante” tuonano Morra e Poli Bortone

La riduzione della spesa pubblica (attraverso l’unione dei Comuni, l’abolizione delle province, la riduzione del numero dei deputati, la riorganizzazione delle regioni in tre Macroregioni), la territorialità delle imposte (ossia, il pagamento delle tasse da parte delle aziende lì dove avviene la produzione) e la costituzione di una “cabina di regia” delle regioni meridionali per la programmazione e la progettazione degli interventi di sviluppo del Mezzogiorno, sono alcuni dei punti programmatici ampiamente esposti al pubblico presente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande Sud si presenta alla città Foggia: “Territorio è la parola chiave”

FoggiaToday è in caricamento