Elezioni Politiche 2013, Palmieri: “Bisogna ripartire dal sociale”

Centro Democratico: “La riforma che vogliamo prevede maggiori tutele per bambini, donne, anziani non autosufficienti e disabili”

Anna Rita Palmieri

La campagna elettorale per il rinnovo di Camera e Senato entra nel vivo e si moltiplicano gli incontri con i cittadini di Capitanata. Nonostante il freddo e la neve, nelle scorse ore il tour elettorale di Anna Rita Palmieri, numero 3 della lista per il Senato del Centro Democratico, ha toccato Lesina e Monte Sant’Angelo per incontrare alcuni amministratori locali che hanno scelto di aderire al movimento di Tabacci ma, soprattutto, per confrontarsi con il mondo dell’associazionismo.

E’ dal sociale che bisogna ripartire - afferma Anna Rita Palmieri - per rimettere in moto il Paese. L’Italia ha bisogno che il centro degli interessi dello Stato torni ad essere la persona e le sue potenzialità. Abbiamo bisogno di un nuovo Welfare che non si traduca in mero assistenzialismo, ma che rassicuri i cittadini, dia certezze lavorative ai giovani, maggiori opportunità alle donne, e tutela agli anziani. Rispetto ai più avanzati paesi europei, la nostra spesa pubblica penalizza i trattamenti di disoccupazione, integrazione salariale e sostegno alla famiglia. Per metterci al passo con l’Europa e rispettare i vincoli di bilancio, occorre rivedere urgentemente il sistema delle prestazioni sociali e dei sussidi assistenziali. 

Occorre - continua Anna Rita Palmieri - una riforma della rete degli ammortizzatori sociali che incoraggi la mobilità e la formazione professionale per sconfiggere i fenomeni di precarietà lavorativa e che preveda, tra le altre cose, un sistema di assicurazione contro la disoccupazione. Il nuovo Welfare deve definire esattamente i diritti sociali spettanti a ciascun cittadino, in base all’effettiva situazione economica di ciascuno. La riforma che vogliamo prevede maggiori tutele per bambini, donne, anziani non autosufficienti e disabili. La nostra idea - conclude Annarita Palmieri - è quella di incentrare i servizi su base comunale, incentivando e rafforzando le forme di integrazione e collaborazione tra assistenza pubblica e associazioni no-profit.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento