rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Elezioni Comunali 2022 Orsara di Puglia

Orsara, la lista di Zullo non si arrende: ricorso al Tar contro l'esclusione

Il ricorso fa leva su un elemento che comproverebbe la congiunzione tra i fogli delle sottoscrizioni e l'elenco dei candidati

La lista ‘Orsara 3.0 – Un paese Nuovo’ non si arrende e impugna, allo scadere dei termini, la ricusazione dalle elezioni del prossimo 12 giugno per il rinnovo del Consiglio comunale di Orsara di Puglia. Il candidato sindaco Giuseppe Zullo, il delegato presentatore della lista Giuseppe Toccia, il sindaco uscente Tomasso Lecce candidato a consigliere e il candidato consigliere Vittorio Cappetta che ha autenticato le sottoscrizioni, rappresentati e difesi dall’avvocato Giulio Scapato, hanno presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale della Puglia.

Chiedono l’annullamento del verbale del 14 maggio della Sottocommissione elettorale circondariale di Foggia che ha escluso la lista perché “nei fogli contenenti le sottoscrizioni dei presentatori non è riportato in alcun modo, né il simbolo, né il nome della lista, né il candidato alla carica di Sindaco, né tantomeno i nomi dei candidati consiglieri, per cui non si ha alcuna certezza in ordine alla consapevolezza da parte dei sottoscrittori di dare il proprio appoggio alla lista ricusata e ai relativi candidati”. Mancavano il timbro di congiunzione, l’intestazione o qualsiasi segno riconducibile al modulo principale e secondo la sottocommissione non bastava spillare i fogli.

I ricorrenti eccepiscono come la decisione sia “erronea ed ingiusta”. Il legale dimostra che un elemento comprova la congiunzione con i fogli che recano l’elenco dei candidati: “Nella pagina n. 3 facciata n. 5, ove sono raccolte le prime 14 firme, al rigo 4 è specificato che i sottoscrittori sono informati che promotore della sottoscrizione è Vittorio Cappetta. Chi è Cappetta Vittorio? È un candidato della lista ricusata. Ergo, quantomeno i primi 14 sottoscrittori erano e sono pienamente consapevoli che con la loro firma promuovevano la presentazione della lista di cui lo stesso Cappetta Vittorio è candidato”. Bastano 10 firme per la presentazione della lista. “È impensabile che nel caso di specie il candidato di una lista (Cappetta Vittorio) raccolga le firme per altre liste concorrenti”.

Il provvedimento impugnato, “frutto di una interpretazione per più versi ingiusta, erronea e restrittiva” a parere dei ricorrenti, secondo la loro tesi avrebbe disposto l’esclusione della lista sulla base di un “formalismo superabile”. Si invoca il principio del favor partecipationis, finalizzato a garantire la più ampia partecipazione possibile alle elezioni. “Nel caso di specie – si legge nel ricorso - con la conferma della ricusazione della lista non vi sarà alcuna competizione elettorale atteso che è stata ammessa una sola lista con l’effetto di comprimere, quindi, la scelta elettorale dei cittadini orsaresi i quali ‘obtorto collo’ non avranno scelta e si troveranno un Consiglio Comunale di sola maggioranza senza una minima voce di opposizione”.

Al più, secondo i candidati e il presentatore della lista, “il vizio sollevato dalla Sottocommissione Elettorale Circondariale di Foggia potrebbe configurare una mera irregolarità e non certo una radicale nullità”. Il gruppo contesta che non sia stato concesso il soccorso istruttorio.

“Andremmo incontro ad un vuoto democratico”, è la preoccupazione di Giuseppe Zullo che aveva promesso di lottare. Non intende lasciare campo libero all'avversario Mario Simonelli. Peraltro, sarebbero fuori dai giochi gli amministratori uscenti candidati nella lista. “Stiamo facendo questo ricorso a tutela di tutta le piccole comunità d’Italia, dove può capitare spesso che si presentino solo due liste. Non possono essere trattate alla stregua delle liste che si presentano in una grande città. Stiamo facendo una battaglia a tutela della democrazia”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orsara, la lista di Zullo non si arrende: ricorso al Tar contro l'esclusione

FoggiaToday è in caricamento