Caos cinquestelle a San Severo: meetup dichiara guerra all’ex candidato sindaco

Il Meetup 5 Stelle San Severo si difende e accusa l’ex candidato sindaco del Movimento, Simone Colapietra, “di aver abbracciato gli ideali del movimento per incrementare la sua “notorietà” come scrittore”

Il logo del Meetup 5 Stelle

Guerra a cinquestelle a San Severo, dove prosegue il muro contro muro tra l’ex candidato sindaco del movimento e i componenti della sigla ‘Meetup 5 Stelle San Severo’, che definiscono “subdolo” il tentativo si Simone Colapietra “di screditarci agli occhi dell’editoria locale e dell’opinione pubblica”.

Stando a quanto riferito dai pentastellati del meetup, su un quotidiano locale sarebbe comparso un comunicato a firma di Colapietra nel quale il candidato primo cittadino li avrebbe accusati “di aver messo in piedi un’operazione volta a creare disinformazione e trarre in inganno elettori e giornalisti”

Ma il gruppo si difende ricordando che “il Meetup 5 Stelle San Severo esiste dal 2012, non ha mai cambiato nome e non vuole fregiarsi in nessun modo del nome e del logo del movimento, ma che grazie alla sua presenza sul territorio è stato possibile portare avanti tante battaglie a favore della cittadinanza e si è potuto coronare il sogno di una lista certificata 5 Stelle a San Severo”.

E punta il dito contro Colapietra: “Oggi che per sua scelta non ne fa più parte, si cimenta nell’ignobile tentativo di screditare un gruppo di persone che ha come unica “colpa” quella di voler portare avanti l’attivismo a 5 Stelle in questa città, malgrado il risultato elettorale semi fallimentare, del quale il sig. Colapietra, in quanto massimo esponente della lista, dovrebbe, se fosse intellettualmente onesto (cosa di cui a questo punto dubitiamo), attribuirsi la principale responsabilità.

Delle persone che sputano nel piatto dove hanno mangiato fino a pochi giorni prima non ci fidiamo e credo non si fidino neanche gli elettori e simpatizzanti del Movimento 5 Stelle. Per questo non rimpiangiamo la sua fuoriuscita dal nostro Meetup e per come si sta comportando non lo consideriamo più essere né un “grillino” né tantomeno un attivista, bensì dobbiamo a questo punto dar credito a coloro i quali asserivano e asseriscono che abbia abbracciato gli ideali del movimento solo per incrementare la sua “notorietà” come scrittore”:

Il Meetup 5 Stelle San Severo conclude: “Diffidiamo il sig. Colapietra a continuare anche in futuro ad usare metodi denigratori nei nostri riguardi, che con il malcelato intento di infangarci, producono in realtà come risultato quello di screditare l’intero Movimento agli occhi dell’opinione pubblica sanseverese”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento