Elezioni Comunali 2019: voto disgiunto, cos'è e come funziona

Possono avvalersi del voto disgiunto gli aventi diritto al voto delle città di Foggia, San Severo, Lucera, San Giovanni Rotondo, Orta Nova e Torremaggiore

Foto di repertorio

Il voto disgiunto permette di poter barrare il simbolo di una lista e contemporaneamente il candidato sindaco della coalizione opposta al simbolo barrato.

Quindi si ha un voto disgiunto quando l’elettore vota per una lista e per un candidato sindaco diverso dalla lista che lo sostiene.

Sulla scheda elettorale l’elettore può quindi esprimere due preferenze: uno semplicemente per la lista oppure per la lista con il nome di un candidato consigliere e l’altro per il candidato sindaco.

Nella tornata elettorale del 26 maggio 2019 in provincia di Foggia il voto disgiunto è ammesso soltanto nei comuni superiori a 15mila abitanti, quindi a Foggia, San Severo, Lucera, Torremaggiore, San Giovanni Rotondo e Orta Nova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cerignola: spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si toglie la vita

  • Omicidio nel Foggiano: ucciso 'Fic secc', noto esponente della criminalità garganica

  • Scacco al clan: maxi operazione antimafia di Carabinieri e Cacciatori, 50 arresti (anche a Foggia e Cerignola)

  • Quel piano 'bomba' per uccidere 'Fic Secc': ieri l'omicidio a colpi di fucile dell'erede di Romito, stub e perquisizioni

  • Bomba in vicolo Ciancarella, a Foggia: colpita la friggitoria 'Poseidon', malore per un residente

  • È foggiano il miglior panettone artigianale tradizionale d'Italia: è di Andrea Barile del bar pasticceria 'Terzo Millennio'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento