La Giunta è fatta, pioggia di riconferme ma Landella mette in crisi la Lega: scontro fratricida nel partito di Salvini

La Lega strappa i tre assessorati richiesti, ma Landella mette il vincolo delle due donne e un uomo. Almeno cinque gli assessori riconfermati, la presidenza del Consiglio a Iaccarino e la Cultura a Giuliani

La presidenza del Consiglio a Iaccarino, l'Urbanistica a Claudio Amorese e i Lavori Pubblici all'uscente Antonio Bove (tutti Forza Italia), la Cultura alla lista del sindaco Destinazione Comune con il ritorno di Anna Paola Giuliani, il Contenzioso ad un altro uscente, riconfermato, ossia Sergio Cangelli (Evviva Foggia), l'Ambiente ai Fratelli d'Italia con il non eletto Matteo De Martino (Roberto resta ferma un giro). L'Annona e la Municipale, i Servizi Sociali e il Bilancio alla Lega. L'Istruzione a Claudia Lioia, espressione del sindaco (altra riconferma). Sarebbe questa, al momento, la distribuzione degli assessorati del Landella Bis. La partita deve chiudersi nelle prossime ore per consentire al sindaco di convocare il primo Consiglio comunale del suo secondo mandato, che si dovrà tenere entro il 31 luglio. 

Ma resta in alto mare il nodo Lega. Riunita dalle 11 di questa mattina alla presenza del segretario regionale Luigi D'Eramo, è alle prese con uno scontro fratricida tutto interno che ha portato il conclave ad essere sospeso e riaggiornato ad horas per portare a termine le trattative. I salviniani sono in tilt, tanto più dopo il diktat di Landella: sì ai tre assessorati, ma devono dare due donne e un uomo. 

Una richiesta che starebbe creando non pochi problemi nel partito, diviso tra il gruppo consiliare, eletti e non eletti. La Torre, Ursitti e ora pure Vigiano scalpiterebbero per entrare in Consiglio comunale o comunque dire la loro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalle parti di Forza Italia, costretta a fare ulteriori passi indietro per chiudere la partita, si mormora che se la Giunta non dovesse formarsi entro stasera, sarebbe un brutto segnale. In tutto questo baillamme, l'Udc di Angelo Cera resterebb a mani vuote

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Ancora assalto a portavalori sulla A14: paura tra gli automobilisti e traffico bloccato verso Canosa

  • Coronavirus, risalita vertiginosa dei contagi: 26 nuovi casi in Puglia (9 nel Foggiano)

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento