La Lega alza la posta, aumentano le richieste: oltre agli assessorati, Masi alla direzione generale del Comune

Ancora una settimana di tempo per i partiti. Landella: "Io la giunta ce l'ho pronta". E intanto spunta un nuovo ruolo per il partito di Salvini: Sario Masi ambirebbe alla direzione generale dell'Ente

Non solo Foggia Calcio. A Roma il sindaco Landella avrebbe visto anche i segretari regionali di Lega e Forza Italia, Luigi D’Eramo e Mauro D’Attis per sbrogliare un’altra matassa che rischia di intricarsi: la giunta comunale. Domani sarà ancora la volta di D’Eramo e D’Attis a Bari. Trovare il bandolo è abbastanza complesso. Anche se Landella sarebbe stato chiaro con qualcuno: “Io la giunta ce l’ho pronta, se  i partiti non si muovono, procedo”. Il gong è la proclamazione degli eletti, la prossima settimana. Nove caselle da riempire (secondo una corrente di pensiero anche dieci, ma ci sarebbe la contrarietà del segretario generale). Cinque uomini e quattro donne.

I problemi di meno facile soluzione li ha la Lega, divisa com’è in tante anime, ciascuna con proprie ambizioni e desiderata. La sintesi all’orizzonte non si vede. La cena di venerdì scorso a Foggia con il gruppo consiliare, i primi dei non eletti e il commissario regionale è stata di mera conoscenza. D’Eramo a quanto pare non avrebbe affrontato neanche uno dei punti più ostici del discorso in piedi in casa salviniana: a partire dai non eletti La Torre e Ursitti, che il partito vorrebbe dentro, in consiglio comunale. Ma, come abbiamo scritto più volte, convincere gli eletti al “promoveatur ut amoveatur”, ossia a farsi nominare in giunta per consentire l’ingresso dei non eletti in aula (e affidando i propri destini agli umori di Landella), è impresa titanica. E non è detto che D’Eramo ci riesca. Anche perché c’è anche il tema Luigi Miranda a cui badare: il commissario cittadino che vuole fare il vicesindaco con delega alla Sicurezza, almeno un anno, quale trampolino per giocarsi la partita delle regionali 2020. Mentre il duo dei consiglieri Fiore e Iadarola perorebbe la causa di un altro esterno, Gianfranco Fariello. Fino a tre gli assessorati a cui il partito può ambire, ma potrebbe chiedere di più stante l’incetta di consiglieri che si sta provando a mettere in campo e la possibilità che il gruppo si allarghi (anche a Leonardo Di Gioia, secondo qualche leghista).

Data per persa la presidenza del consiglio comunale (che dovrebbe prendere Forza Italia con Iaccarino), il partito di Salvini, o comunque alcuni suoi esponenti locali, starebbe lavorando ai fianchi del sindaco per ottenere un’altra postazione di assoluto prestigio, vale a dire quella del Direttore Generale, figura esterna alla dotazione organica, di cui ad oggi Landella non si è mai dotato (ma prevista ai sensi degli artt. 2 e 5 del Regolamento della Dirigenza approvato nel 2005). Lo fece Mongelli nel 2012 con Pazzaglia. Oggi, invece, a tentare la scalata c’è Sario Masi, passato alla Lega e deus ex machina di molte operazioni salviniane locali. L’idea pare non sia balzana e stia assolutamente prendendo corpo, tanto più che Masi avrebbe i requisiti minimi previsti dalle norme in materia ma nel 2012, lo ricodiamo, venne fatta pubblica selezione trattandosi di figura apicale che necessita di competenze specifiche e che gode di un trattamento economico-finanziario elevato (lo scorso bando portava circa 100mila euro annuali/lordi per 13 mensilità).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fantapolitica? Si vedrà. Intanto, su altri fronti, Forza Italia sta lavorando a mettere le sue bandierine: due assessorati e presidenza del consiglio almeno, Erminia Roberto (a cui Landella aveva già sbarrato la strada) potrebbe esser nuovamente dentro in quota Fratelli d’Italia, forte dell’appoggio di Franco Di Giuseppe; ipotesi che sta dividendo il partito, con la componente meloniana che spinge per il segretario provinciale Giandonato La Salandra. Landella non vorrebbe privarsi di Sergio Cangelli e Claudia Lioia. Destinazione Comune può tenerne dentro uno (Morese o Giuliani) e si vorrebbe onorare anche l’impegno con l’Udc. “La giunta io ce l’ho” sussurra Landella, sollecitando le forze politiche a muoversi. Il tema è quale giunta. E con quale profilo. Ci si prenda anche un giorno in più, se è il caso, ma si dia alla città un esecutivo di qualità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi nel Foggiano e tre focolai (circoscritti). In Puglia 20 contagiati e nessun morto

  • Ultima ora: catturato il super ricercato Cristoforo Aghilar

  • Omicidio a Cerignola: almeno 11 colpi d'arma da fuoco, così è stato ucciso Cataldo Cirulli detto 'Dino Str'ppen'

  • "Ho ancora i brividi". Terrore sulla superstrada del Gargano, auto semina il panico e si schianta: "Salvi per miracolo"

  • Coronavirus: aumentano i casi in Puglia, sono dieci di cui due in provincia di Foggia

  • San Severo, esplosione nella fabbrica di fuochi Del Vicario: c'è un ferito. Il sindaco: "Preghiamo per Luciano"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento