Marasco continua a perdere pezzi, Sel lascia la coalizione: "C'è troppo centro"

E' il contenuto delle dichiarazioni congiunte di Gano Cataldo e Lello Crivelli, rispettivamente coordinatore regionale Sel Puglia e presidente collegio regionale Garanzia

Gatano Cataldo

Dopo il Prc di Giorgio Cislaghi, anche Sinistra Ecologia e Libertà si defila dalla coalizione guidata da Augusto Marasco, venendo meno al patto stretto alla vigilia delle Primarie: “Sel ha partecipato alle primarie nella speranza, poi rivelatasi vana, che le lacerazioni della coalizione potessero sanarsi”. 

Sel Puglia, Cataldo e Crivelli | Le primarie del 9 marzo non hanno solo sancito il prevalere di una candidato ma hanno affermato il prevalere di un'idea centrista e moderata come proposta elettorale per il futuro governo della città. Questa è un'idea che non condividiamo. Abbiamo commesso un errore nell'attribuire alle primarie una potenza salvifica e costituente di un nuovo patto tra le forze politiche.  

La riconferma della coalizione al governo della città, dopo aver messo in sicurezza i conti ed aver salvaguardato i livelli occupazionali e scongiurato la crisi ambientale a seguito del fallimento di Amica e Daunia Ambiente, non é un fatto scontato ma la ricetta dell'allargamento ulteriore al centro é una mossa elettoralistica che non ci vede concordi.

La coalizione a sostegno di Augusto Marasco si muove quindi in una prospettiva cieca, somma soggetti politici in virtù del loro consenso potenziale e non su basi programmatiche. Ad oggi il segno moderato di tutte le candidature non permette alla sinistra di riconoscersi in nessuna. Sel ha partecipato alle primarie nella
speranza, poi rivelatasi vana, che le lacerazioni della coalizione potessero sanarsi.  

Purtroppo le primarie non hanno fatto bene alla tenuta della coalizione stessa e nemmeno a Sel visto che il sostegno alla candidatura di Gianni Mongelli, che ringraziamo per generosità con la quale ha affrontato questa vicenda, è costato la perdita della rappresentanza in seno al Consiglio comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci vengono attribuiti molti errori. Oggi non vogliamo commetterne un ulteriore, ovvero la presenza in una  coalizione nella quale non riconosciamo più i contorni originari. Alle prossime elezioni amministrative è necessario dare una riconoscibilità alla sinistra foggiana perché si possa ricominciare a costruire. 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento