Comunali Foggia 2014

Il PD accusa il sindaco di Candela: "Ha fatto rimuovere i nostri manifesti autorizzati"

Rocco Freda: "Crede di essere il padrone, presentato un esposto alla Prefettura". Piemontese: "Interessa tutti salvaguardare principi e norme democratiche"

"La rimozione selettiva dei manifesti elettorali del PD alla vigilia del voto per le Europee dimostra appieno il concetto di democrazia che appartiene al sindaco di Candela e che abbiamo portato all'attenzione della Prefettura chiedendo di ristabilire le regole della campagna elettorale e del confronto politico". Lo afferma il segretario cittadino del Partito Democratico di Candela, Rocco Freda, che ha presentato un formale esposto contro l'amministrazione comunale per "aver fatto rimuovere i nostri manifesti dagli spazi autorizzati ed aver evitato ogni intervento sanzionatorio su quelli dei partiti di centrodestra, da lui rappresentati in Consiglio comunale".

"Com'è nostro costume, noto e apprezzato dall'intera comunità candelese - continua Freda - non abbiamo mai coperto manifesti altrui e occupato spazi destinati ad altre liste, perché abbiamo a cuore la nostra e la libertà di chiunque voglia propagandare idee politiche. La scelta del sindaco, invece, esprime un concetto padronale dell'Amministrazione comunale". "La denuncia del Circolo PD di Candela è molto seria, oltre che circostanziata - aggiunge Raffaele Piemontese, segretario provinciale del Partito Democratico foggiano - e mi auguro abbia un seguito ed un rilievo pubblico, perché è interesse di tutti che siano salvaguardati i principi e le norme che regolano il confronto democratico nelle piazze e nelle istituzioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il PD accusa il sindaco di Candela: "Ha fatto rimuovere i nostri manifesti autorizzati"

FoggiaToday è in caricamento