Martedì, 26 Ottobre 2021
Comunali Foggia 2014

Intervista | Vincenzo Rizzi: “Basta porte chiuse, basta accordi con i poteri forti”

Intervista al candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Vincenzo Rizzi. Tanti i temi affrontati: dal piano della sosta tariffata al Commercio, dallo Sport all'abusivismo e al degrado nei mercati rionali di Foggia

Intervista a Vincenzo Rizzi, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Foggia

In caso di vittoria promette di rivedere il sistema della sosta tariffata?

Si

Quali tra queste ipotesi prevede il suo programma: riduzione degli stalli a pagamento, sconti per particolari categorie, riduzione del costo orario della sosta o eliminazione degli stalli in alcune zone?

Sono per la riduzione delle tariffe, ma andrebbe inquadrato in un piano complessivo della mobilità. Il discorso delle strisce blu lo vedo negativo se fatto esclusivamente per fare cassa. Va bene, invece, se vogliamo sviluppare un piano della mobilità sostenibile. Scegliere una di queste ipotesi non ha senso senza fare questa premessa. Ovvio è che ci sono i margini per rivedere il tutto, anche perché mi sembra esagerato. Ma esagerato è anche indicare una zona di pregio rispetto ad un’altra.

Multe oltre l’orario, se il grattino scade: favorevole o contrario?

Sono contrario alla multa. Farei pagare la differenza.

Silos granario di via Manfredonia: abbattimento o riqualificazione? Cosa le piacerebbe vedere in quello spazio?

Sono per la riqualificazione. Secondo me è un monumento dell’archeologia industriale che va rivalutato e integrato nel sistema dei contenitori culturali della nostra città. Farei un concorso di idee.

E’ per la privatizzazione dell’Ataf? Se non la privatizza come la risana?

In generale sarei per non privatizzare proprietà e i beni pubblici. Comunque è una questione da definire nell’ambito delle attuali norme vigenti a livello nazionale

D’accordo con l’istituzione di un Ufficio o sportello Europa a Palazzo di Città? E chi lo gestirebbe? Coinvolgerebbe i dirigenti e i dipendenti comunali nella gestione dei bandi comunali?

Possiamo chiamarlo come vogliamo, ma nostro interesse sarà quello di aprirci alla società civile, recuperando le capacità progettuali che vengono da qui. Mi piacerebbe coinvolgere le associazioni e tutti coloro che hanno delle idee da proporre. Poi sarà compito della tecnostruttura mettersi a loro disposizione. Creare quindi un sistema dove le idee del cittadino possano essere valorizzate al massimo nell’interesse della collettività

Favorevole o contrario al registro delle unioni civili?

Favorevole

Come giudica l’accordo tra il Comune di Foggia e Amiu, quindi la nascita di Amiu Puglia.

Secondo me c’è ancora poca trasparenza nell’operazione che ha portato dal fallimento dell’Amica ai passi successivi. C’è bisogno di fare un’operazione verità, di controllare bene le carte, di capire se effettivamente questo accordo abbia un valore positivo per la nostra città oppure se sia l’ennesima bufala. I costi mi sembrano un po’ esagerati e non vedo perché saremmo dovuti entrare in compartecipazione con i problemi di Bari.

Raccolta differenziata equivale automaticamente a un abbassamento della tassa sui rifiuti?

Potrebbe essere possibile, ma in ogni caso io posso pagare qualcosa in più e avere una qualità della vita migliore. E comunque la raccolta differenziata sarebbe anche la risposta alle richieste occupazionali

Testamento biologico: si o no?

Favorevole

Progetto duemilapassi, riqualificazione di Piazza Mercato, Distretto Urbano del Commercio, Zone Franche Urbane. Tutte politiche e progetti che contribuiranno a risollevare, o almeno si spera, le sorti del settore del commercio e dell’imprenditoria. Il nuovo sindaco di Foggia e la sua amministrazione cos’altro potrebbero fare?

Sicuramente è prioritario e necessario mettere a sistema questi progetti; e aggiungo che probabilmente, ove sia possibile, sarebbe opportuno rivedere la mappa delle Zone Franche Urbane. Poi è importante intercettare fondi europei, investirli in servizi e in cultura nelle aree dove c’è un tasso d’incidenza elevato del commercio, recuperandole dal punto di vista estetico e soprattutto della legalità, altrimenti la gente preferirà andare a fare acquisti altrove piuttosto che sul viale della Stazione.

Al commercio è inevitabilmente legato anche il tema del lavoro e dello sviluppo. Lei ha una proposta in tal senso, che se vogliamo potremmo definire anche choc

L’unica proposta che ci sentiamo di fare è quella di rendere partecipi i cittadini in merito alle decisioni dell’amministrazione in modo che diventino partecipi dello sviluppo della città. Basta porte chiuse, basta accordi con i poteri forti. L’unico accordo che faremo è con i cittadini.

E’ per la gestione pubblica dei luoghi dello sport oppure preferirebbe affidarli ai privati?

Io preferirei che a gestirli fosse il Comune con una partecipazione più trasparente e aperta dei soggetti che vogliono fare sport a Foggia

Ci sono gruppi e comitati, non ultimo il Collettivo 0881, ai quali piacerebbe persino prendere in gestione spazi sociali abbandonati. Diventa sindaco cosa fai?

Su questo sicuramente, ma ovviamente ci sarà necessità di censire queste associazioni che devono dare delle garanzie oggettive. Daremo possibilità, spazi e contribuiremo alla crescita delle associazioni

Anche perché molti spazi pubblici di Foggia sono spesso oggetto di atti vandalici: lei è per la repressione o per la prevenzione di questi fenomeni? E’ per la militarizzazione del territorio?

Credo alla prevenzione, ma in una situazione di degrado come la nostra c’è bisogno di agire su entrambi i fronti

Vigili urbani armati o no?

In questo momento non sono favorevole perché attualmente sono ancora in una situazione di forte degrado e disorganizzazione. Un’arma richiede una notevole responsabilità e professionalità. Prima costruiamo la responsabilità e poi valutiamo.

Mercati rionali: quale soluzione al fenomeno dell’abusivismo? A chi spetta pulire l’area mercatale al termine della giornata lavorativa?

Gli ambulanti al termine della loro giornata lavorativa devono ripulire l’area. Perché bisogna investire in civiltà, fatte rispettare le regole e attuate tutte quelle misure necessarie affinché i commercianti non abbiano alcun alibi. E poi, qualora non dovessero ripulire l’area, è giusto che vengano sanzionati. L’abusivismo va eliminato aumentando i controlli e con un’azione rigorosa dell’ente preposto. Va detto anche che l’amministrazione comunale dovrà mettersi a completa disposizione qualora l’abusivo intenda legalizzare l’attività.

Manutenzione stradale: pensa ci siano i soldi per poter coprire le buche e rifare l’intero manto stradale della città?

Sicuramente ci sono dei grossi problemi a recuperare i fondi, ma se si è creata questa situazione è colpe delle amministrazioni passate che hanno governato la nostra città. E’ altrettanto vero che le opere andrebbero seguite con più attenzione, considerando che le azioni di ripristino e recupero del manto stradale lasciano molto a desiderare, in termini di collaudo e di costi.

Così com’è secondo lei la macchina amministrativa è efficiente?

No, assolutamente. E’ alla deriva più totale.

Pubblicazione on line dei bilanci comunali. Si o No?

Tutto deve essere pubblico, on line e facilmente verificabili. I bilanci vanno commentati e resi di facile lettura.

Rotazione dei dirigenti comunali. Si o No?

Io sono per la rotazione ed eventualmente anche per l’allontanamento di quelli che non hanno perseguito nel tempo operazioni nell’interesse della collettività. C’è da fare un controllo scrupoloso sugli atti e capire il perché sei panchine possono essere state pagate, ad esempio 35mila euro. O il perché di altre operazioni discutibili. I dirigenti vengono retribuiti bene per assumersi delle responsabilità.

Fermerà anche lei il consumo del territorio sapendo però che potrebbe scontrarsi con la classe dei costruttori? E anche lei per la rigenerazione urbana?

Io sono per la rigenerazione però vorrei dei cantieri innovative, delle opere innovative da un punto di vista architettonico che rendano bella la nostra città. Ho messo in conto anche la possibilità di scontrarmi con la classe, forte, del mattone.

Amendola o Gino Lisa?

Amendola non è proponibile perché è una base militare operativa. Finché ci saranno permarranno situazioni incandescenti nei Balcani e in Medio Oriente non credo ci saranno possibilità di recuperare quell’aeroporto. Bisognava probabilmente agire molto tempo prima. Quindi abbiamo solo il Gino Lisa. Ma non è il discorso aeroporto sì o no, perché prima dobbiamo pretendere dalla Regione un piano di sviluppo e industriale perché altrimenti possiamo anche allungare la pista ma se poi non si creano accordi con gli operatori e gli altri segmenti produttivi del territorio, anche questo aeroporto non decollerà mai.

Vince e diventa sindaco, dove rivolge lo sguardo: prima alle periferie o prima al centro?

Secondo me non si può guardare le periferie senza il centro e viceversa. Noi dobbiamo guardare la città nel suo insieme e dobbiamo costruire una città vivibile in ogni sua posizione. Abbiamo bisogno sia del centro che delle periferie. E non dimentichiamoci che ci sono anche le borgate.

Uno slogan per Foggia

La stagione dei saldi è finita.

Perché dovrebbero votarla e affidarle le chiavi della città?

Perché non hanno più nulla da perdere. Siamo l’unica formazione politica che non ha più nessun legame con il passato, non siamo interessati a fare accordi con nessuno e a mediare con nessuno. Possiamo quindi rappresentare un’alternativa e un punto di svolta per questa città

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intervista | Vincenzo Rizzi: “Basta porte chiuse, basta accordi con i poteri forti”

FoggiaToday è in caricamento