Giovedì, 28 Ottobre 2021
Comunali Foggia 2014

Cislaghi legge le dichiarazioni di Piemontese e sbotta: "E' colpa del Pd se la nostra città è questa"

Difficilmente il Partito Democratico può considerarsi interlocutore della sinistra: "Le nostre forze nella lista L'Altra Foggia a Sinistra con Gianfranco Piemontese candidato sindaco per valorizzare la pluralità di pensiero"

“Se non venisse dal segretario provinciale del PD, la dichiarazione di voler cambiare Foggia sarebbe da prenderla sul serio. Ma, purtroppo, siamo obbligati a ricordare che è anche per colpa del Partito Democratico, oltre che delle destre, se a Foggia c’è bisogno di cambiare il modo di amministrare la città”.

Il segretario del circolo “CheGuevara” di Foggia, Fiorenzo Giorgio Cislaghi legge, incassa e poi sbotta. Piemontese ci deve spiegare perché non ha mai voluto aprire una discussione sulla parità di genere nei consigli d’amministrazione delle aziende partecipate, come da noi proposto, perché il PD non ha mai chiesto la rotazione di tutti i dirigenti comunali, perché il PD non ha mai chiesto che si facesse chiarezza su come si sono accumulati i debiti dell’amministrazione comunale (a ogni debito corrisponde una determina firmata da un dirigente o una delibera approvata da maggioranza consiliare), perché il PD non ha mai chiesto un bando pubblico per l’affidamento delle strutture sportive”.

Troppi perché per Cislaghi, troppi interrogativi disattesi. “Oggi, come cinque anni fa, il PD fa dichiarazione di voler cambiare per porre rimedio ai guasti che il PD stesso, oltre alle destre, ha causato”, spiega. “Il segretario provinciale dimostra che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire perché lui non ha voluto ascoltare le critiche che abbiamo fatto, prima alla candidatura dell’architetto Marasco (una candidatura ostile alla coalizione), poi alle dichiarazioni programmatiche sull’edilizia e sulla rigenerazione urbana e, per ultimo, la nomina dell’ing. Fiore amministratore di Ataf senza uno straccio di piano per il rilancio del servizio. L’apertura della coalizione all’UDC è stata solo l’ultima violazione agli accordi di coalizione, accordi che Piemontese, al pari dell’architetto Marasco, ha dimostrato di non conoscere e, soprattutto, di non voler rispettare”.

“Riteniamo difficile che il PD sia un interlocutore della sinistra diffusa perché, sia per le politiche europee, al governo nazionale e nel nostro comune, ha dimostrato di soffrire di strabismo continuando a guardare a destra, a prestare attenzione alle richieste delle banche, dimenticandosi dei valori di solidarietà e giustizia sociale propri della sinistra. E’ per questi valori dimenticati dal PD foggiano che abbiamo messo le nostre forze a disposizione di un progetto di riunificazione della sinistra che valorizzi la pluralità di pensiero che la distingue partendo dalla presentazione della lista “L’Altra Foggia a Sinistra” con Gianfranco Piemontese candidato sindaco. Una lista che non sarà soltanto di testimonianza e resistenza contro uno scivolamento a destra della politica cittadina”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cislaghi legge le dichiarazioni di Piemontese e sbotta: "E' colpa del Pd se la nostra città è questa"

FoggiaToday è in caricamento