Comunali Foggia, Telesforo dice no alla candidatura: “Rifiuto e vado avanti”

Il proprietario del Gruppo Telesforo ringrazia a rinuncia a candidarsi a sindaco di Foggia: "Non si può fare bene due cose. Non si può sedere su più poltrone"

Paolo Telesforo

I tentativi di forze moderate e del centrodestra di convincere Paolo Telesforo a scendere in campo e di prosciugare con un colpo da biliardo l’imbarazzo creato dalle tre candidature nel giro di 24 ore – di Landella prima, Longo e Mainiero - non ha sortito gli effetti sperati.

Il proprietario del Gruppo Telesforo, ha sì confermato le indiscrezioni delle ultime ore, ma ha anche ringraziato e rifiutato il “pacco”: “Cari amici, da più parti, coralmente e ufficialmente, sono stato invitato a candidarmi come sindaco di Foggia. Nonostante la cosa mi riempia d'orgoglio per la fiducia accordatami, io rinuncio a questo onore. Rinuncio perché non mi sento all'altezza di un compito così difficile e così vitale per risollevare le sorti di questa città. Rinuncio perché non sono un politico, non faccio politica e non ne conosco la sottile arte”

Ma è il ruolo di imprenditore, probabilmente, ad aver giocato un ruolo decisivo nella sua scelta. “Rinuncio perché sono un imprenditore e non posso sottrarre alla mia azienda, nel rispetto di tutti i lavoratori e collaboratori che dipendono da me, il necessario tempo che una carica come quella del sindaco richiede. Non si può fare bene due cose. Non si può sedere su più poltrone”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una sua candidatura, da una parte piuttosto che dall’altra, avrebbe altresì creato dei malumori e delle inimicizie, che un imprenditore come Telesforo, noto, apprezzato e conosciuto per il ruolo che riveste nel settore sanitario, non può certamente permettersi. Archiviata l’idea Palazzo di Città “Foggia ha bisogno di un sindaco onesto e capace, sindaco di tutti e non sindaco della parte della città che lo ha eletto, ma ha ugualmente bisogno di un sindaco "full time" conclude Paolo Telesforo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento