rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Comunali Foggia 2014

Marcello Acquafredda, candidato consigliere di 'Foggia Civica' con Di Gioia

Scheda di Marcello Acquafredda, candidato al Consiglio comunale di Foggia nella lista 'Foggia Civica' a sostegno della candidatura a sindaco di Leonardo Di Gioia

CHI SONO | Mi chiamo Marcello Acquafredda, lavoro presso l'Amministrazione Provinciale di Foggia e ho deciso di candidarmi a consigliere comunale nella mia città perché voglio offrire il mio piccolo contributo al suo miglioramento. Negli ultimi anni ho assistito all'incontenibile e drammatico declino di Foggia, che è divenuta sempre più trascurata, poco accogliente, difficile e chiusa in se stessa. Foggia ormai, è sotto gli occhi di tutti, si è assestata all'ultimo posto nella graduatoria delle città nelle quali si vive meglio, per scarsissimo livello di servizi, elevatissimo livello di disoccupazione e pessima qualità della vita.

PERCHE’ MI CANDIDO | Mi candido, perciò, in Consiglio comunale, nella lista "Foggia Civica", una lista civica a sostegno del candidato sindaco Leonardo di Gioia, perché ne condivido pienamente il programma elettorale e perché non credo sia sufficiente elencare le cose che non piacciono, ma occorre provare, con il proprio contributo, a cambiarle con un po' di coraggio. Ed ho accettato l'impegno a sostenere Leonardo di Gioia perché credo sia l'unico candidato in grado di garantire, per competenze e serietà, un effettivo cambiamento e miglioramento a questa città.

La lista cui aderisco, del resto, al pari delle altre quattro liste collegate a Leo di Gioia, è composta prevalentemente da giovani professionisti, attivamente impegnati nel campo del sociale, animati da tanta voglia di offrire un'alternativa sostenibile al sistema tradizionale dominato da vecchie logiche di partito e da figure ormai superate. Abbiamo, infatti, deciso di rimanere equidistanti tanto dalla destra quanto dalla sinistra e di non appoggiare alcun partito politico, perché riteniamo che i tradizionali partiti non abbiano subito nel tempo alcun mutamento o innovazione ma, anzi, siano al momento assolutamente inidonei a recepire le istanze e a soddisfare i bisogni della collettività.

E' per questo che sono fermamente convinto, che, a prescindere dall'esito della consultazione elettorale, la coalizione capeggiata da Leo di Gioia possa comunque offrire un valido contributo alla compagine che sarà chiamata a governare la città di Foggia per i prossimi 5 anni. Chiaramente speriamo di affermarci già al primo turno!

La mia campagna elettorale è assolutamente low cost, in quanto non credo nei manifesti, né tantomeno nei giganteschi cartelloni 6x3 che tappezzano Foggia, non solo perché deturpano la città e producono solo sentimenti di insofferenza tra la gente, ma perché sono fermamente convinto che l'elettore ormai non possa più esser preso in giro da false promesse o ridicoli slogan. Il momento di grave difficoltà che vivono le famiglie italiane, soprattutto al Sud, ha determinato un preoccupante allontanamento dalle istituzioni e dalla politica, il che ci impone un'attenta e seria riflessione su come effettivamente impostare la propria propaganda elettorale, prima, ed il proprio mandato elettorale, poi. Ho, per questo, preferito utilizzare i canali della comunicazione che possano consentirmi di far conoscere me ed il mio programma alla gente e della presentazione personale, il cosiddetto porta a porta.

LE MIE PROPOSTE | Vorrei mettere a disposizione della macchina comunale la mia esperienza maturata presso l'Ente provinciale, soprattutto supportando la tecnostruttura nel processo di innovazione e di semplificazione amministrativa che necessariamente dovrà attuare, non solo nell'ottica di adeguamento alle recenti disposizioni in tema di spending review, ma anche e, soprattutto, di ripensamento e riorganizzazione del sistema dei servizi. E non penso solo ai trasporti, bensì a quello, che maggiormente conosco per la mia esperienza lavorativa in tema di appalti, della viabilità.

Non possiamo, poi, trascurare il settore delle politiche sociali, particolarmente rilevante in un momento contrassegnato da una grave crisi finanziaria che ha prodotto effetti devastanti sulla quotidianità di tantissime famiglie e delle fasce più deboli della società, ossia dei disabili, degli anziani e degli altri soggetti che versano in condizioni di fragilità.

Credo che, a riguardo, sarà fondamentale il contributo che potrà offrire, a garanzia dell'effettività delle politiche di welfare, il Terzo settore, a me assai vicino per esperienze condotte al di fuori dell'ambiente lavorativo e riconducibili, in particolare, alla Croce Rossa Italiana ed all'AVIS.
Un altro campo da valorizzare se vogliamo riqualificare la nostra città è, senza dubbio, quello culturale. E la prima azione che penserei di mettere in campo una volta eletto sarebbe la riapertura del nostro amato teatro Umberto Giordano.

Insomma, tante sono le proposte e le idee, tutte attentamente elaborate sulla base dei dati concreti a disposizione, derivanti essenzialmente dall'attuale assetto economico del Comune di Foggia, che, come sappiamo, versa in una preoccupante situazione di grave indebitamento e, pertanto, necessita di coraggiose ed innovative azioni di ristrutturazione. Per fare questo, però, occorre affidarsi ad amministratori competenti, seri, onesti ed affidabili. Speriamo che i cittadini foggiani il 25 maggio scelgano per il meglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marcello Acquafredda, candidato consigliere di 'Foggia Civica' con Di Gioia

FoggiaToday è in caricamento