Comunali Foggia 2014

Giunta Landella, Marasco: “Una guida senza patente, chi rischiano sono i foggiani”

L’ex candidato sindaco del centrosinistra commenta le scelte del sindaco di Foggia. “Nomi e volti nuovi siano una scialuppa gettata in un mare di inadeguatezze e conflitti di interesse”

“Facce nuove, stampo vecchio per una guida senza patente”. È la valutazione di Augusto Marasco, già candidato sindaco del centrosinistra, su “articolazione delle deleghe e profili degli assessori scelti dal sindaco e dalla maggioranza di centrodestra, che sembrano confermare il passo del gambero con cui procede un Franco Landella già consapevole della sua inadeguatezza”.

“Cancellare tutto quello che c'è sembra essere il solo criterio guida, come appare evidente da una distribuzione delle deleghe assessorili che poteva andar bene vent'anni fa”, aggiunge Marasco sottolineando l'impressione che “nomi e volti nuovi siano una scialuppa gettata in un mare di inadeguatezze e conflitti di interesse”.

L’ex candidato sindaco di centrosinistra prosegue: “Siccome non siamo semplici osservatori né commentatori da talk show abbiamo la precisa responsabilità di guardare dentro le scelte che hanno ricadute pubbliche, esprimendo giudizi con spirito di verità. Per esempio il fatto che ieri Landella abbia detto di non sentirsi ancorato alla formula dei 100 giorni quando, qualche settimana fa, pensava addirittura di poter varare il Piano del Commercio e il PUG nei primi tre mesi di mandato, è sintomatico dell’assoluta sprovvedutezza con cui si è messo al volante di una macchina complessa, chiamata a governare una grande città”.

TUTTO SULLA NUOVA GIUNTA COMUNALE DI FOGGIA

L’architetto conclude: "Ribadiamo la necessità di una forte vigilanza democratica da attrezzare fuori e dentro Palazzo di Città perché scelte oblique e propagandistiche rischiano di presentare un conto salatissimo ai foggiani fin dal prossimo autunno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta Landella, Marasco: “Una guida senza patente, chi rischiano sono i foggiani”

FoggiaToday è in caricamento