Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Comunali Foggia 2014

Dopo le ‘Comunarie’ gli attivisti cinquestelle lasciano ‘Foggia in MoVimento’

Eliana di Francescantonio, Aldo Galante, Riccardo Schioppo, Luigi Di Brisco: "Passiamo testimone ad attivisti più capaci in ambito politico, più grintosi e giovani, che hanno tempo da dedicare a questa bella causa

Troppi impegni costringono Eliana Di Francescantonio, Aldo Galante, Riccardo Schioppo, Luigi Di Brisco, attivisti del Meetup del M5S 'Foggia in Movimento', a lasciare e passare il testimone a giovani grintosi, politicamente preparati e con molto tempo da dedicare alla causa cinquestelle. Si conclude così, dopo le 'Comunarie' del 18 gennaio scorso, l'esperienza di quattro dei componenti pentastellati foggiani più rappresentativi. Le motivazioni in comunicato stampa.

"Lo avevamo promesso e rimaniamo coerenti con il nostro stile, trasparente, comunicandovi, serenamente, che riteniamo conclusi il ciclo e la funzione di Foggia in MoVimento. Dopo la positiva esperienza del primo incontro dedicato alle ‘Comunarie’, nel quale abbiamo risolto gli equivoci creati per dividere il MoVimento a Foggia, passiamo volentieri il testimone ad attivisti più capaci in ambito politico, più grintosi e, perché no, anche più giovani, che hanno tempo da dedicare a questa bella causa.

Si apre una nuova fase per il MoVimento a Foggia ed è, per noi, sempre più difficile conciliare l'attivismo, il lavoro, la salute, e, aspetto fondamentale, le nostre famiglie. C'è chi ha avuto un figlio, chi deve seguire meglio la propria carriera in crescita ... così è la vita! Siamo sereni nel vedere nuove personalità pronte a "combattere" per gli ideali del MoVimento: in questo passaggio faremmo solo da zavorra perché ci mancano le caratteristiche politiche necessarie.

Lo avevamo promesso in un comunicato stampa e adesso è arrivato il momento di fare il famoso passo indietro. Il solco è stato tracciato e il felice esito del primo incontro per le Comunarie ci fa ben sperare per il prosieguo: abbiamo dimostrato che si può intraprendere un cammino condiviso e chi vorrà raccogliere il testimone potrà proseguire nella medesima direzione. 

Lasciamo serenamente l'adesione "attiva" con la convinzione di aver fatto la nostra parte, tra alti e bassi, sempre in buona fede e con il massimo dell'impegno. Allo stato attuale, per le motivazioni di cui sopra, tale partecipazione non può più essere al 100% e in questo momenti il MoVimento ha bisogno di forze concrete. Il nostro attivismo è già calato negli ultimi tempi, nostro malgrado, e fare le cose con il freno a mano tirato non è nel nostro stile.

Vi assicuriamo che la scelta è stata presa con il sorriso sulle labbra, senza polemica o malanimo, anzi in un momento favorevole per il MoVimento a Foggia, in cui i gruppi dialogano e le finte barriere sono state abbattute".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo le ‘Comunarie’ gli attivisti cinquestelle lasciano ‘Foggia in MoVimento’

FoggiaToday è in caricamento