rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Comunali Foggia 2014

Stop a eventi in piazza e a propaganda elettorale, Marasco “4mila euro a Salvatore”

Il candidato sindaco del centrosinistra annulla tutti gli eventi di piazza e revoca una serie di ordinativi per i materiali di propaganda per complessivi 4 mila euro, che saranno indirizzati a Salvatore

Il candidato sindaco di Foggia, Augusto Marasco, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione sul prosieguo della campagna elettorale funestata dalla tragedia di via Edmondo De Amicis.

Ieri ho voluto mantenere fino in fondo l’impegno del silenzio. Oggi, considerando le numerose richieste di informazioni che stanno giungendo, comunico che proseguiranno incontri e discussioni per spiegare cosa intendiamo fare dal prossimo 9 giugno fino al 2019: la scelta del proprio governo è una questione di fondamentale importanza per ogni comunità, soprattutto in momenti di sgomento e smarrimento come questo.

Abbiamo annullato gli eventi di piazza. A partire dai due che erano previsti per oggi pomeriggio nel piazzale antistante la chiesa di Sant’Alfonso a Candelaro e davanti alla chiesa di San Paolo al CEP, dove avrebbero dovuto essere allestiti anche giochi e gonfiabili per bambini.

È stata cancellata anche la giornata dedicata al terzo settore che si sarebbe inserita nella mobilitazione nazionale “Riforma del Terzo Settore e Servizio Civile Universale: un’occasione per l’Italia”, lanciata per domani, giovedì 5 giugno, da Matteo Renzi in preparazione del disegno di legge delega che sarà approvato il prossimo 27 giugno e sul quale il Governo ha aperto le consultazioni.

A piazza Umberto Giordano, per un confronto con associazioni, volontariato, cooperative sociali e cittadini, avremmo avuto presenti il responsabile nazionale per il Welfare del Partito Democratico Davide Faraone, l’europarlamentare Pina Picierno, l’assessore regionale al Welfare ed europarlamentare Elena Gentile e il sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento Ivan Scalfarotto. Annullato anche il previsto comizio di chiusura all’isola pedonale che venerdì sera avrei dovuto tenere assieme all’onorevole Francesco Boccia e al segretario regionale del PD Michele Emiliano.

Abbiamo deciso di revocare una serie di ordinativi per i materiali di propaganda per complessivi 4 mila euro, che saranno indirizzati al piccolo Salvatore che ha perduto i genitori nel crollo di via Edmondo De Amicis. Comunico che non sarò presente alle esequie di Giusy e Luigi, pur partecipando al lutto privato delle famiglie e al lutto cittadino che con grande sensibilità il sindaco di Foggia ha preannunciato sarà proclamato. Essendo momenti di informazione collegati alla massima espressione di democrazia, si svolgeranno i confronti televisivi già programmati.

Ho ribadito la protesta più ferma per lo scandaloso abuso delle affissioni che si è registrato in queste ore in tutte le vie centrali della città, a opera di collaboratori del candidato Franco Landella. Nella mattinata di ieri, le squadre di attacchini abusivi sono tornate ad agire qualche minuto dopo che i manifesti di Landella erano stati coperti con gli adesivi dell’affissione non autorizzata. Un gesto di inciviltà particolarmente odioso perché contraddittorio rispetto alla decisione di annullare le manifestazioni elettorali disposta anche dal candidato Landella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop a eventi in piazza e a propaganda elettorale, Marasco “4mila euro a Salvatore”

FoggiaToday è in caricamento