Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Comunali Foggia 2014

In 2000 alla Fiera per chiedere a Di Gioia 'Un'altra storia per Foggia'

Bagno di folla al padiglione 10 per la convention del candidato Sindaco: "Vogliamo vincere, ma a condizione di poter governare da uomini liberi. Lo faremo per i cittadini e con i cittadini"

“Al ballottaggio prenotiamo lo stadio”, è stato il suo commento scherzoso di fronte alla grande risposta di pubblico. Erano all’incirca duemila, spinti da un entusiasmo crescente, a sostegno di un sogno. Quello di Leo Di Gioia e dei suoi candidati, radunatisi ieri al padiglione 10 della Fiera, per la convention della coalizione “Un’altra storia per Foggia”.

Un autentico bagno di folla, un risultato impronosticabile, per un evento organizzato in pochi giorni e promosso attraverso i social network. Di Gioia è ripartito dai punti passati in rassegna nell’incontro di un mese fa all’ente fiera. Un programma che non si basa su vacue promesse, ma sulla presa di coscienza delle profonde problematiche economiche che il Comune sta vivendo, che impediranno di abbassare la pressione fiscale che grava sui cittadini. Un aspetto però che non essere una zavorra che mortifichi la crescita, “Siamo una città di eccellenze, con tante cose su cui costruire”, ha affermato.

Da rivedere anche la macchina burocratica “Deve essere riqualificata e riorganizzata, affinché non continui ad essere una Ferrari parcheggiata in garage, ma svolga il suo ruolo di primo attore dello sviluppo”.  

Cultura legalità, solidarietà ed Europa, le altre parole chiave attorno alle quali ha ruotato il discorso di Di Gioia, che ha poi concesso la parola ad alcuni cittadini: Nadia Caputo (“E’ giunto il momento di sostituire la parola ‘raccomandazioni’ con la parola ‘meritocrazia’), Mario Aiezza (“La cultura e il talento sono le chiavi dello sviluppo”), Maria Pina Russo (“Vogliamo una città che sappia guardare ai bambini”), e Giovanni De Michele (E’ vitale per Foggia attrarre investimenti e recuperare centralità strategica”.  

A sostegno di Di Gioia, anche l’ex presidente della Provincia Carmine Stallone (“Appoggio Di Gioia perché amo Foggia”), il consigliere regionale Pino Lonigro (“Stiamo facendo una campagna a mani nude per ridare una speranza alla città”) e l’ex segretario della Cisl Michele Ricci. Infine lo spazio ai bambini, che in un video hanno chiesto più spazi di gioco e maggiore considerazione.

“Siamo trasversali, perché uniamo le intelligenze, non le furbizie - ha sottolineato in chiusura Di Gioia - vogliamo vincere, ma a condizione di poter governare da uomini liberi. Lo faremo per i cittadini e con i cittadini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In 2000 alla Fiera per chiedere a Di Gioia 'Un'altra storia per Foggia'

FoggiaToday è in caricamento