Comunali Foggia 2014

Ballottaggio, Di Gioia sceglie Marasco: “Atto di gratuità politica nell’interesse di Foggia”

Sul centrodestra: “Si tratta di una coalizione più fondata sulla contrapposizione che sui contenuti”. Caso ‘Lavoro e Libertà’: “Auspico chiarimento tra Lonigro e Marasco”

I risultati della competizione elettorale amministrativa hanno testimoniato la grande forza della coalizione “Un’altra storia per Foggia”, con gli oltre 15mila voti che i cittadini hanno ritenuto di assegnare alle liste e a Leo Di Gioia.

Motivo, questo, che ha spinto l’assessore regionale al Bilancio a fare chiarezza sulla sua posizione in merito al ballottaggio dello scorso 8 giugno: “Nella coalizione di Marasco si trovano maggiori spinte al rinnovamento ed una complessiva maggiore opportunità di interlocuzione”.

LA PREMESSA | Le coalizioni tradizionali, per quanto significativamente ridimensionate, hanno tuttavia mantenuto il primato, e saranno loro a contendersi il ballottaggio. Un appuntamento del quale sono tenuto ad essere parte attiva, in forza di un’idea della politica che obbliga a prendere decisioni anche quando sono difficili. Preferisco contaminarmi e scegliere per far crescere Foggia alla comoda rendita di posizione di una ipocrita neutralità.

LA DECISIONE | Vorrei essere chiaro: ai liberi cittadini che hanno premiato la nostra coalizione proprio in virtù della sua indipendenza da partiti e apparati non ho la presunzione di impartire diktat di voto. È però mio dovere dire in quale direzione penso debba proseguire il lavoro fin qui svolto e dove debba incamminarsi Foggia; e su questo chiedere un giudizio che si traduca in una condivisione di voto.

IL CENTRODESTRA | Detto che mi legano ad entrambi i candidati sindaci sentimenti di rispetto, mi pare di cogliere nel centrodestra alcune criticità per me difficilmente superabili. Si tratta di una coalizione più fondata sulla contrapposizione che sui contenuti, in cui permane un eccesso di frammentazione e leaderismi e, che finisce per indebolirne la proposta programmatica e la affida più ad un generico sentimento di rivincita che ad ipotesi coerenti e praticabili.

PERCHE’ MARASCO | Nella coalizione di Augusto Marasco, malgrado possa rinvenirsi più di una contraddizione, a cominciare dall’eredità di dieci anni di governo fortemente controversi, si trovano maggiori spinte al rinnovamento ed una complessiva maggiore opportunità di interlocuzione. Lo stesso profilo del candidato sindaco, con la sua “scarsa dimestichezza” con il mondo della politica locale, è un motivo di interesse e di attenzione per la Foggia che immaginiamo e che vogliamo contribuire a costruire.

Questa mia opzione in favore di Augusto Marasco è un atto di gratuità politica che compiamo nell’interesse della città; proprio per questo è condizionato al rispetto di precisi indirizzi programmatici (da noi già ricordati) e da assetti gestionali da determinarsi a cure del sindaco sulla base delle competenze e delle capacità, pur coniugate con le appartenenze.

LA NOSTRA STORIA | La nuova storia che siamo sempre fermamente intenzionati a scrivere, e che non abbiamo mai inteso scrivere da soli, è fatta anche della capacità di far riprendere a Foggia il posto che le compete in Puglia e nel Mezzogiorno. In questo senso condividiamo gli autorevoli appelli a tenere la città in sintonia con il nuovo clima di fiducia che si affaccia nel Paese, purché sia chiaro che questo clima è legato alla pragmaticità del fare e del saper fare.

L’INVITO A LONIGRO | Da ultimo vorrei dire che auspico che già domani ci sia un chiarimento fra Augusto Marasco e Pino Lonigro, promotore della lista Lavoro e Libertà. Lo chiedo perché i travagli della politica non devono mai prevalere sulla correttezza e la limpidezza dei rapporti umani. E’ opportuno chiarire che non ero a conoscenza, né c’era ragione perché lo fossi, di documenti eventualmente sottoscritti fra il candidato sindaco del centrosinistra e il promotore della lista. Posso dire solo che con Lavoro e Libertà abbiamo svolto in comune un lavoro intenso ed entusiasmante. Sarei lieto che la comunanza di intenti e d’azione che ci ha caratterizzato in campagna elettorale proseguisse oltre il ballottaggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ballottaggio, Di Gioia sceglie Marasco: “Atto di gratuità politica nell’interesse di Foggia”

FoggiaToday è in caricamento