Elezioni 2013, X Zapponeta Libera: “Oscure manovre di qualcuno, ma grazie ai nostri elettori”

“Noi sappiamo benissimo che il nostro popolo ha capito qual è la differenza (abissale) che passa tra noi e loro”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Esprimiamo i nostri più vivi ringraziamenti alle elettrici ed agli elettori di Zapponeta che nelle ultime elezioni amministrative del 26-27 maggio ci hanno accordato 1037 preferenze. Li ringraziamo per averci ritenuto meritevoli della loro fiducia e per la lealtà dimostrataci nel momento in cui hanno scelto di votarci.

Li ringraziamo per la loro coerenza, che non è mai venuta meno nel corso di una campagna elettorale travagliata, difficile, e durante operazioni di voto controverse, quando in alcune ore di lunedì 27 maggio abbiamo tutti potuto assistere allo scandalo della sospensione della democrazia a causa delle oscure manovre di qualcuno.

Noi sappiamo benissimo che il nostro popolo ha capito qual è la differenza (abissale) che passa tra noi e loro. Il popolo di Zapponeta sa perfettamente da che parte sta l’onestà e l’impegno, la volontà di includere e di non discriminare, la Legalità e la trasparenza. Eppure sono prevalse, e lo dimostra quella manciata di voti che ci distanzia da quegli altri, logiche differenti dalla ricerca del benessere comune e condiviso e della partecipazione democratica.  Ne prendiamo atto.

Ad ogni modo sappiano, le nostre elettrici ed i nostri elettori e tutti i cittadini di Zapponeta - le lavoratrici ed ai lavoratori che vivono nel nostro territorio -  che il nostro impegno continua, che non mancheremo di tutelare – per quanto ci sarà possibile -  i diritti di tutte e di tutti, nessuno escluso; che continueremo a preoccuparci e ad operare per lo sviluppo del nostro popolo e per il benessere della nostra gente. Vigileremo, statene certi. Se ne faccia una ragione anche chi governerà la nostra città per i prossimi mesi.

I più letti
Torna su
FoggiaToday è in caricamento