A Monte Sant'Angelo inizia l'era D'Arienzo, patto in piazza con la città: "Il futuro è ora!"

La festa di 'apertura' della nuova Amministrazione è all'insegna del risveglio della comunità, "che sente forte il bisogno di tornare protagonista dopo il biennio di buio causato dallo scioglimento del Consiglio comunale"

Archiviato il commissariamento, Monte Sant’Angelo si appresta a scrivere un nuovo corso. All’indomani della tornata elettorale dell’11 giugno, la lista ‘CambiaMonte’ (a cui vengono assegnati undici dei sedici scranni nel nuovo Consiglio comunale) ha festeggiato, in piazza, l'inizio del nuovo percorso amministrativo guidato da Pierpaolo d'Arienzo.

Sul palco oltre al neo sindaco, c'erano i consiglieri di ‘CambiaMonte’, l'On. Michele Bordo e l'Assessore regionale al Bilancio Raffaele Piemontese. "Già da oggi possiamo finalmente iniziare a scrivere una nuova pagina per Monte Sant'Angelo - ha dichiarato l'Assessore Piemontese -. Con Pierpaolo si riaccendono le luci sulla nostra città che cancellano il bollino dell'infamia dello scioglimento dello scorso Consiglio comunale. In questo storico avvenimento ha fatto la differenza l'orgoglio dei cittadini di appartenere a Monte Sant'Angelo e la voglia di tornare ad essere una comunità coesa e serena”.

“Avete dato ampiamente fiducia a Pierpaolo che è davvero un giovane competente ed onesto, a cui stanno a cuore le sorti ed il futuro di questa città", ha spiegato. Piemontese ha ribadito come "Monte Sant'Angelo ha deciso di mettere da parte la mafia ed ogni forma di violenza. L'Amministrazione comunale avrà dei vetri trasparenti ed ogni atto sarà visionato da una commissione ad hoc - ha concluso l'Assessore regionale -. Con il largo suffragio ottenuto dalla cittadinanza, ora abbiamo una grande responsabilità nell'amministrare, ma le grandi sfide non ci spaventano affatto, anzi, sono uno stimolo in più a far bene e dare il miglior futuro possibile alla nostra amata Monte Sant'Angelo". 

Non solo ringraziamenti, ma già segnali di pragmaticità, nel discorso del sindaco d'Arienzo. "La mia vittoria è nell’avere trovato 4383 preziosi collaboratori. Sono felice, emozionato e felice, e con me tutti i candidati di CambiaMonte, perché sappiamo che non saremo soli. Questo voto segna per Monte Sant’Angelo una nuova era – ha aggiunto il sindaco – l’era in cui si fa insieme, credendo nelle risorse della propria città; l’era in cui una Comunità si stringe intorno ai suoi giovani: si nutre della loro energia e delle loro potenzialità e in cambio regala loro la sua esperienza.  Sono particolarmente orgoglioso della composizione del nuovo Consiglio comunale che vede una nutrita rappresentanza di giovani e sopratutto donne, ben 8 (di cui sei di CambiaMonte), che con la loro intelligenza e sensibilità saranno fondamentali nel programmare il governo di Monte Sant'Angelo".

Entro dieci giorni ci sarà già la prima convocazione del Consiglio comunale. "È l’ora della responsabilità e nessuno si deve sentire escluso! Abbiamo davanti una narrazione nuova della nostra città, e la scriveremo insieme - ha sottolineato d'Arienzo - . É finito il tempo delle parole, bisogna passare subito ai fatti, partendo dalle dieci priorità. I presupposti della rinascita ci sono tutti. Il decalogo condensa i dodici temi e gli ottantacinque interventi del nostro 'progetto politico di comunità', presentato e discusso con i cittadini nel corso della campagna elettorale: legalità, giovani, scuola, cultura, entroterra, politiche sociali, ambiente, area industriale, turismo, rigenerazione urbana, efficienza politica ed amministrativa, economia che crea lavoro".

"In cima alle dieci priorità amministrative del nostro programma di governo ci sono la legalità e la trasparenza. Proseguiremo il lavoro svolto dai Commissari in questi due anni, riorganizzeremo la macchina amministrativa rendendola più efficace ed accessibile ai cittadini. Le altre problematiche a cui trovare subito soluzione vi sono i trasporti (terminal bus e organizzazione servizio bus navetta), l’ospedale (postazione 118 medicalizzata), le politiche sociali (nomina dell’assistenza sociale in pianta stabile), rigenerazione urbana (rifacimento manto stradale, riqualificazione delle periferie e degli spazi pubblici, regolamentazione viabilità), giovani (affidamento Centro Aggregazione Giovanile), promozione turistico-culturale (ufficio progetti, fondazione per la gestione dei siti culturali, portale web-social, rete dei Santuari e dei Cammini), area industriale (infrastrutturazione), lavoro, ambiente ed entroterra (acquedotto rurale ed elettrificazione), Monte2022 (ascolto, dialogo e confronto con cittadini ed imprenditori) - ha concluso il sindaco - Il futuro è già qui". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

  • Maxi rissa a Foggia, paura e sangue in via Bagnante: il bilancio è di sette arresti e due persone in ospedale

  • Neonato morto a Foggia, famiglia chiede 1,7 milioni ai Riuniti. Gli avvocati: "Cause non ascrivibili ai sanitari dell'ospedale"

  • Arriva la tempesta di grandine, vento e fulmini: è allerta 'arancione' sul Gargano e Basso Fortore

  • Autobus si schianta contro un albero: amputata la gamba della 17enne ferita nel terribile incidente

Torna su
FoggiaToday è in caricamento