Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aspettando Salvini, la Lega foggiana serra le fila e rilancia (contro Fitto): "I giochi non sono ancora chiusi"

Momento di confronto oggi a Foggia nel 'No tax day' per chiamare a raccolta i foggiani. Domani Salvini è atteso a Bari. Riviello, vicesegretario Lega, ribadisce: "Rinnovamento"

 

Alla vigilia dell'arrivo di Salvini in Puglia (domani, alle 18.00, è atteso a Bari), la Lega foggiana serra le file. Lo fa all'Opera Pia Scillitani, convocando dirigenti e militanti sul "No Tax Day", la rivoluzione fiscale propagandata dal segretario federale. "La Lega  al Governo ha già tentato di portare la Flat Tax al 15% per le partite IVA fino a 65.000 euro che ha permesso a tante imprese di respirare, svilupparsi, assumere, ha visto la nascita di migliaia di nuove partite IVA e insieme a Quota 100 rappresenta un punto cardine della politica economica nel programma del partito. Idee di buonsenso contro il Governo delle tasse e poltrone PD-M5S che ancora una volta ha dimostrato il tradimento verso gli Italiani votando l’approvazione del MES" ha spiegato il segretario provinciale, Daniele Cusmai. Oltre a lui, a Foggia l’europarlamentare Massimo Casanova, la parlamentareTateo e il vicesegretario Regionale Riviello.

E' stata l'occasione anche per tornare a rilanciare una candidatura leghista alla Presidenza della Regione Puglia. E' questo che la base leghista sta dicendo - e dirà ancora domani - a Salvini: l'ipotesi Raffaele Fitto (ormai più che una ipotesi) non piace per niente ai salviniani pugliesi, restii a capitolare sul "vecchio che avanza" sostengono, che "di cui il popolo pugliese si ricorda, e non certo benevolmente" secondo molti. Che soprattutto nella Lega vi siano detrattori e nemici giurati di Fitto è cosa nota, d'altronde il partito del Carroccio da queste parti si è costruito proprio, ed anche, su coloro che nel tempo lo hanno abbandonato. Ritrovarselo candidato presidente non è il massimo. Il pallino è nelle mani di Salvini. I dirigenti pugliesi sono convinti che la giornata di domani possa essere pregna di novità, dicono sibillini. Foggiatoday ha intervista il vicesegretario regionale, Giovanni Riviello

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento