'No' a Michele Emiliano, i cinquestelle attaccano il governatore uscente: "Nessuna alleanza con lui, è stato un fallimento"

I consiglieri regionali del M5S dopo le dichiarazioni al vetriolo del presidente uscente ieri a Bari, all'evento di apertura della sua campagna elettorale. "E' un no che vale per la campagna elettorale e per tutto quello che ci sarà dopo"

Regionali 2020. "Emiliano parla dei 5 Stelle per distrarre l’attenzione dai suoi fallimenti". Così in una nota i consiglieri del M5S PugliaDai giornali apprendiamo - scrivono- che la cosa più interessante detta da Emiliano durante la  manifestazione per lanciare la sua candidatura alle prossime regionali sia stata sui 5 Stelle. E questo la dice lunga. Capiamo però che abbia bisogno di argomenti che possano distrarre dai disastri di questi anni. Se avesse dovuto dire cosa ha fatto di buono per la Puglia i (non tanti) presenti avrebbero  assistito a un film muto. Per una volta però ci tocca dargli ragione: non vogliamo avere niente a che fare con chi governa come ha fatto lui, cercando di raccattare consensi per mantenersi attaccato alla poltrona e distribuendo poltrone pur di aumentare il suo bacino elettorale. Ed è un no che vale per la campagna elettorale e per tutto quello che ci sarà dopo". La chiusura, insomma, è totale.

"Ha provato a ‘comprare’ anche noi proponendoci tre assessorati in cambio del silenzio su tutti gli altri provvedimenti della Giunta. E siamo stati gli unici a rifiutare l’offerta e andare avanti. Oggi parla di Tap: proprio lui che dal 2015 ha ignorato tutte le nostre proposte per bloccare il progetto; ricorsi al tar, mozioni per chiedere al governo del suo stesso colore di fermare l’espianto degli ulivi, emendamenti per impegnare la Regione ad avviare l’iter per l’istituzione del SIC nel tratto di mare antistante Melendugno che avrebbe davvero potuto ostacolare il progetto. Invece la finta battaglia contro il gasdotto l’ha condotta solo su giornali e tv, limitandosi a chiederne lo spostamento a Brindisi, città letteralmente abbandonata dalla sua Giunta".

"Su Ilva il MoVimento 5 Stelle sta lavorando a testa bassa perché non si debba più chiedere ai tarantini di scegliere tra lavoro e salute. Abbiamo istituito tavoli tematici per sbloccare i 600 milioni a disposizione della città che non sono stati spesi in questi anni e istituito presso il MiSE la Commissione speciale per la riconversione economica di Taranto. A differenza sua noi lavoriamo, non facciamo proclami solo per avere un titolo su un giornale. Oggi avrebbe dovuto parlare del suo programma per la Puglia, ma su temi come sanità, consorzi di bonifica, Arif, PSR, fondi per la pesca persi, emergenza rifiuti neanche una parola. Fallimenti evidenti anche ai consiglieri di quella che dovrebbe essere la sua maggioranza, oggi quasi del tutto assenti. Neanche loro hanno avuto il coraggio di presenziare a questa farsa. Pertanto visti i fallimenti e gli scandali giudiziari della sua maggioranza, riteniamo che sia Emiliano a dover chiedere scusa ai pugliesi".  

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Saturimetro: cos'è e quali sono i modelli migliori in commercio

Torna su
FoggiaToday è in caricamento