Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Endorsement di Miglio per Merla, Emiliano svicola sulla rottura civici-PD. Piemontese: "C'è un tema di ambiguità politica"

“Non ne so nulla, l’ha seguita Piemontese”. Liquida così Michele Emiliano la grana della rottura Pd-civici sulle elezioni provinciali in programma il 31 ottobre

 

Da un lato i dem sul sindaco di San Marco Michele Merla, dall’altro Di Gioia che ha annunciato il mani libere per tutti, nonostante le pressioni dei dem a scegliere da che parte stare (l’accusa è di aver fatto l’accordo con la lega su Nicola Gatta, sindaco di Candela e sostenuto dal centrodestra). Faccenda di cui il presidente, molto ambiguamente, non sembra volersi curare.

E d’altronde si abbassano anche i toni di Raffaele Piemontese rispetto a Michele Bordo, che, nei giorni scorsi, su queste colonne, aveva chiuso ad ogni collaborazione futura con i civici, mettendo in discussione l’assessorato all’Agricoltura di Di Gioia (che, per parte sua, in un video su fb, aveva asserito “non ho paura di perdere la poltrona”). E infatti non perderà. In fondo l’assessore all’Agricoltura non ha mai ufficializzato il sostegno a Gatta; al contrario, ha lasciato “mani libere” ai suoi amministratori, e, per quanto il Pd si affanni ad adombrare l’accordo con Lega e Forza Italia, diventa difficile per Emiliano, in assenza di intese ufficiali, rimuovere il civico da una coalizione e da un governo regionale che ha non ha mai avuto imbarazzi ad allargarsi al centrodestra (Stea docet, e non solo).

Motivo per cui tocca a Piemontese stemperare i toni e limitarsi a puntare il dito, questo sì, contro l’ambiguità dei civici, “che a Bari sostengono il centrosinistra e a Foggia fanno l’accordo con la Lega Nord”: ecco, è questo che proprio non può digerire il Pd, “appoggiare lo stesso candidato appoggiato dalla Lega in una competizione in cui votano i politici, neanche i cittadini. Una roba inaccettabile”. Da qui anche il niet al candidato unico, “perché Gatta nome istituzionale non è”. Marca distanza ed identità Piemontese, e deve farlo. Ma non parla di rotture. Piuttosto rallenta e pare quasi mettersi al varco, ad osservare gli eventi. Cosa accadrà alle prossime amministrative? “Spetta ai civici fare chiarezza”.

Intanto ufficializza il suo sostegno al centrosinistra Francesco Miglio, che, dichiara, voterà il candidato del Pd, Michele Merla.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento