Elezioni comunali 2021 San Nicandro Garganico

I "babbioni" colpiscono ancora, scritta infamante contro il candidato sindaco Vocale: "Sono sereno, come sempre"

Questa mattina Matteo Vocale, alle 10, si è recato presso la locale stazione dei carabinieri dove ho formalizzato denuncia per l'ennesimo graffito

Una scritta infamante contro chi si è presentato ai sannicandresi con l’obiettivo di ripristinare l’ordine pubblico e la legalità in una città che ancora una volta è finita al centro delle cronache locali per un episodio inquietante. 

Chi conosce Matteo Vocale, sa bene che l’ennesimo sfregio a un comitato elettorale della coalizione che lo sostiene, si riassume nel tentativo di intimidirlo e di screditarlo. Non avendo, evidentemente, altri mezzi o argomenti per farlo.

Una scritta pesante all’indirizzo di chi, al contrario dei responsabili, ha messo al centro del suo programma politico la legalità. Così assurda che preferiamo non riportare.

Intanto questa mattina Matteo Vocale, alle 10, si è recato presso la locale stazione dei carabinieri dove ho formalizzato denuncia per l'ennesimo graffito, “questa volta infamante e questa volta ai danni del mio comitato elettorale in corso Garibaldi" scrive.

Gli avversari Antonio Berardi e Vincenzo Marinacci hanno preso le distanze dagli autori degli atti intimidatori e vandalici e questa mattina hanno presentato un esposto alla caserma dei carabinieri. "Non possiamo passare per i carnefici di questa situazione imbarazzante. Non vogliamo essere accusati di queste infamie, ci auguriamo che gli amici anche dall'altra parte capiscano questa cosa. Chiunque sia stato, condanniamo questo atto così viscido" il commento di Berardi. "Potrebbe essere anche mio fratello, chi è stato deve pagare" il commento di Marinacci.

La stessa cosa aveva già fatto ieri l'on. Mariauluisa Faro per quanto accaduto alla sede del M5S: "Abbiamo nuovamente chiesto anche al Prefetto di Foggia di mantenere alta l'attenzione, sia su questi atti, sia sul clima generale di questa campagna elettorale” evidenzia il candidato sindaco, che ribadisce il concetto espresso nella giornata di ieri: “Come ho già detto ieri parlando di "babbioni", mi sento di ritenere che non ci siano moventi politici dietro questi gesti sconsiderati, né posso addossare colpe ai miei competitors, che ringrazio per aver preso le distanze pubblicamente da simili atti ed aver espresso solidarietà verso di noi. Colgo, tuttavia, occasione per ribadire la necessità di mantenere toni sobri in tutti i dibattiti pubblici! Abbiamo concordato con i Carabinieri di non tralasciare nessun indizio nelle indagini e nessuna pista circa il movente, ammesso che ve ne sia e l'autore. Ringrazio la miriade di attestati di vicinanza e stima da ogni dove. Grazie!! Sono sereno, come sempre”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I "babbioni" colpiscono ancora, scritta infamante contro il candidato sindaco Vocale: "Sono sereno, come sempre"

FoggiaToday è in caricamento