Elezioni 2010 Roseto Valfortore: legittima la vittoria di Nicola Apicella

Il Consiglio di Stato rigetta il ricorso della minoranza. Confermata la piena e incontestabile legittimità delle elezioni comunali 2010. Il sindaco Apicella: “Messa la parola fine a una questione chiara fin dal principio”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

nicola apicella-2-2Il Consiglio di Stato, Sezione Quinta, ha confermato definitivamente la piena legittimità della vittoria del sindaco Nicola Apicella e della sua lista alle elezioni amministrative di marzo 2010.

E’ stata confermata, infatti, la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale che, il 6 ottobre 2010, aveva ritenuto infondate le tesi addotte nel ricorso proposto da Donatangelo Troiano e Maria Filippa De Rosa. “Come era logico attendersi – dichiara il sindaco di Roseto Valfortore, Nicola Apicella - è stata messa la parola ‘fine’ a una questione che era chiara fin dal principio. Sia il Tar che il Consiglio di Stato, infatti, hanno confermato la piena e incontestabile legittimità dei risultati che hanno determinato la nostra vittoria in virtù del verdetto chiaro e ineccepibile delle urne”.

Di fatto, le tre schede oggetto del ricorso sono state assegnate nella stessa maniera del primo turno. La prima, della quale è stata confermata la nullità, non riportava alcun segno sul nome dei candidati sindaci e nella preferenza indicava un candidato consigliere inesistente con la dicitura MARI. La seconda scheda riportava il segno sul nome dell’attuale primo cittadino e la chiara indicazione della preferenza al candidato consigliere Sorda. Nella terza scheda, infine, è chiaro il segno sul simbolo della lista vincente e la preferenza a nome ‘GENTI’ è un elemento che non fa testo, come hanno confermato sia il Tar che la Sezione Quinta del Consiglio di Stato.

 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento