"Da Roma a Foggia un PD in grado di superare la concezione novecentesca"

Presto un partito nuovo in grado di superare la concezione novecentesca, aperto a tutti coloro che vogliono esserci e con gli "antidoti giusti" per evitare gli errori del passato. Parola di Elena Gentile

Elena Gentile

“Un vento nuovo, fecondo di rinnovata forza vitale, soffia sulle membra un tempo impigrite del Partito Democratico. A Roma come a Foggia. Si percepisce, si respira, si annusa. Anche a chilometri di distanza, qui a Strasburgo”.

Ne è fermamente convinta Elena Gentile, che subito precisa. “A Roma, in direzione nazionale, si discute della forma partito”. Un partito nuovo in grado di superare la concezione novecentesca, aperto a tutti coloro che vogliono esserci (“senza il filtro della presentazione di un altro iscritto”) e con gli “antidoti giusti” per evitare gli errori del passato.

“Un partito che non rinuncia agli iscritti ma è attento alla loro qualità, che non è solo una macchina elettorale ma una comunità di eguali che si incontra e discute di problemi reali e di cultura politica, nel quale si vive per la politica ma non di politica”.

Fermento presente anche a Foggia, “dove in assemblea provinciale si riscopre il valore e l’orgoglio dell’appartenenza e, in uno, la fragranza e il profumo di una nuova e rinnovata unità di intenti, valori e progetti. Ed anche, perchè no, l’intimo orgoglio di chi fa le sue battaglie culturali e politiche ma poi si adegua alle scelte della maggioranza o non è indifferente alla responsabilità di rispettare decisioni non condivise, conciliando la coerenza con le proprie idee con il principio di responsabilità dell’appartenenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E mentre accade tutto questo - conclude - un gruppo di apolidi di varia e variegata estrazione, senza patria e senza partito, fuori dal tempo e dalla storia, tenta di occupare il centro della scena. Qualcuno – chi può e deve – dica loro che sono arrivati fuori tempo massimo. La festa appena cominciata è già finita, ed anche la musica, se ne facciano una ragione. E, soprattutto, abbiano l’intelligenza della realtà, e ne facciano tesoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento