rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Politica

Don Uva, De Pellegrino fa a pezzi Landella: “Specula sul disagio dei lavoratori”

Modalità e contenuti utilizzati dal sindaco di Foggia non sono piaciuti al capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale: “Le chiacchiere stanno a zero”

Sulla scia di Massimiliano Di Fonso, anche Alfonso De Pellegrino prova ad azzittire Landella accusandolo – sulla questione Don Uva – di aver allestito “un indegno teatrino politico per speculare sul disagio dei lavoratori”. Per il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale, l’iniziativa del primo cittadino sarebbe stata “allestita in fretta e furia, senza uno straccio di proposta operativa e senza il coinvolgimento reale di alcuna forza politica, con il preciso intento di recitare la parte del difensore del popolo o per chissà quale altro interesse”.

Aggiunge l’esponente del PD: “Buttarla in caciara, con tanto di accuse grilline alla politica assente, non poteva produrre e non ha prodotto alcun risultato rispetto ad una vicenda ormai consumata”. E prosegue: “La Regione Puglia ha compiuto ogni esplorazione istituzionale e legale per acquisire il controllo delle strutture di Foggia e Bisceglie, ma nulla si può contro la legge. Neanche se a chiederlo è il sindaco di Foggia, che oggi, e solo oggi, si scopre essere assai sensibile al destino dei lavoratori del Don Uva”.

De Pellegrino invita Landella a recuperare “calma e raziocinio”, in modo che si renda conto che i comuni di Foggia e di Bisceglie, con il supporto della Regione, “dovranno prepararsi adeguatamente ad un’interlocuzione serrata con la nuova proprietà. Come ha correttamente affermato il consigliere comunale Augusto Marasco, sarà quella la sede per far valere il peso delle istituzioni e per attivare ogni azione di moral suasion utile ad evitare licenziamenti e riduzione dei livelli qualitativi del servizio”.

Conclude il capogruppo del PD: “Oggi le chiacchiere del sindaco Landella stanno a zero. Posso solo sperare che per il futuro voglia effettivamente condividere la strategia di rilancio della struttura sanitaria ed eviti di convocare i rappresentanti istituzionali della città con un sms e senza alcuna indicazione di merito ”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Uva, De Pellegrino fa a pezzi Landella: “Specula sul disagio dei lavoratori”

FoggiaToday è in caricamento