Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Divieto del gioco d’azzardo, Mongelli firma e lancia l’appello ai foggiani: “Fatelo anche voi”

Il sindaco firma la proposta di legge dell'IdV ed esprime sostegno a quella dei consiglieri regionali Lonigro e Nuzziello: "Questione etica e sociale da risolvere con interventi decisi e radicali"

Il sindaco Gianni Mongelli è il primo firmatario foggiano della proposta di legge di iniziativa popolare per il divieto del gioco d’azzardo, avanzata dall’Italia dei Valori e depositata presso la segreteria generale del Comune a disposizione di quanti volessero sottoscriverla. La proposta mira all’abolizione di tutti i giochi con puntata di denaro – ad eccezione del lotto, delle lotterie e delle scommesse sugli eventi sportivi – e qualifica come delitto, punibile penalmente, la promozione e l’esercizio del gioco d’azzardo.

“E’ esperienza quotidiana comune a tutti l’osservazione di decine di persone che passano il loro tempo attaccati ad una slot machine o intenti a grattare biglietti su biglietti o in attesa fremente degli esiti delle lotterie istantanee. Pensare che lo Stato finanzi i propri servizi con quel denaro pone a tutti un serio problema etico che va risolto con decisione abolendo un’attività che produce danni sanitari e sociali enormi: ben più elevati dei ricavi” ha dichiarato il primo cittadino.

E’ sufficiente considerare che in Italia ci sono ormai 15 milioni di giocatori abituali, più di un quarto dell’intera popolazione, e 800mila sono i giocatori affetti da ludopatia, per i quali lo Stato spende 5-6 miliardi per attività sanitarie di cura e assistenza. In pratica, spendiamo i due terzi dei ricavi per curare persone indotte ad ammalarsi dalla enorme quantità di giochi d’azzardo legali esistenti.

Un problema assai serio che ha indotto un gruppo di consiglieri regionali, tra i quali i foggiani Pino Lonigro e Anna Nuzziello, a presentare una proposta di legge per l’adozione di specifiche misure di prevenzione, trattamento terapeutico e recupero sociale dei soggetti affetti da sindrome da gioco d’azzardo patologico, a cui va tutto il mio sostegno personale ed istituzionale.

“Il mio auspicio è che siano davvero tanti i foggiani a firmare la proposta di legge di iniziativa popolare così da convincere il Parlamento ad occuparsi seriamente di una vera e propria questione sociale, resa ancor più grave dai sempre più consistenti interessi della criminalità organizzata” ha concluso il sindaco

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Divieto del gioco d’azzardo, Mongelli firma e lancia l’appello ai foggiani: “Fatelo anche voi”

FoggiaToday è in caricamento