rotate-mobile
Politica San Michele / Corso Giuseppe Garibaldi, 58

Consiglio comunale: la presidenza va a Luigi Miranda, venerdì si ritorna in aula

Tutti presenti, maggioranza e opposizione. Luigi Miranda eletto all'unanimità della maggioranza presidente del Consiglio comunale. La minoranza si è astenuta

Finalmente il primo Consiglio comunale targato Franco Landella. Questa mattina i primi ad occupare i banchi dell'aula consiliare sono stati i consiglieri di maggioranza: tutti, compatti, sorridenti e visibilmente emozionati. 

Tra i punti all'ordine del giorno la convalida degli eletti e il giuramento del sindaco. Al terzo punto l'elezione del presidente del Consiglio, poi la comunicazione dei componenti della Giunta, l'elezione della commissione elettorale, la riduzione del numero delle commissioni consiliari, la costituzione delle commissioni consiliari permanenti, la nomina della commissione comunale per la formazione degli elenchi dei giudici popolari di Corte d'Assise e di Corte d'Assise d'appello. Infine il regolamento concernente gli indirizzi per la nomina, la designazione e la revoca dei rappresentanti del Comune di Foggia presso gli enti esterni.

Sindaco e consiglieri comunali di Foggia: le foto di R. D'Agostino

Il primo Consiglio comunale di Foggia: le foto di Roberto D'Agostino

13.50. SEDUTA AGGIORNATA A VENERDI' ALL'UNANIMITA' . Esigenza di articolare e studiare l'ordine del giorno, a partire dall'accapo 5. La seduta è stata aggiornata a venerdì alle 9.30 su richiesta del consigliere Luigi Buonarota. 

13.45 ODG GINO LISA APPROVATO ALL'UNANIMITA'

13.30 Bruno Longo: "Volontà politica e mirata di Vendola di distruggere l'aeroporto. Partiranno i primi ricorsi sui prezzi degli espropri. Di questa presa in giro siamo stufi, cerchiamo di essere concreti. Riprendiamo il discorso del quadro economico che ha a che fare con il capitolo degli espopri". Intervengono anche Sciagura, Buonarota, Cataneo, Mainiero.

13.15 Landella sulla pregiudiziale Marasco: "La motivazione dell'urgenza è scaturita dall'approvazione del Bilancio consuntivo. Entro il 30 settembre data ultima del bilancio di previsione, dobbiamo approvare preventivamente il bilancio consuntivo oggetto di verifica, probabilmente in disavanzo. L'approvazione dell'atto di Giunta deve essere inviato alla Corte dei Conti e alla commissione bilancio. L'insediamento delle commissioni consiliari sono un atto urgente necessario, per il bilancio consuntivo. Abbiamo accolto la richiesta del PD di nominare il capogruppo, di riunire la minoranza, di nominare un consigliere per la commissione elettorale. Superata la pregiudiziale di Marasco, c'è convergenza e apertura totale quindi"

13.10 La seduta riprende. Inserita nell'ordine del giorno anche la questione del Gino Lisa all'unanimità del consiglio comunale su richiesta avanzata da Leonardo Di Gioia. Landella: "Accolgo con piacere di fare un ordine del giorno che porti la firma congiunta mia e dell'assessore regionale al Bilancio".

Il primo Consiglio comunale di Foggia: le foto di Roberto D'Agostino

12.15. Seduta sospesa e ferma sul quinto punto all'ordine del giorno

11.50 LEONARDO DI GIOIA: "Non mi nasconderò dietro gli artefici oratori. Quando sarà il mio turno racconterò la mia verità, che non è assoluta, ma può valere come contributo. Ristabiliamo un rapporto istituzionale leale che ci consenta di valutare la bontà delle scelte che facciamo e la correttezza. Prestate attenzione, se potete, alla richiesta di Marasco.

Poi sul tema de Gino Lisa: "Se è vero che il viceministro ha invitato la Regione a formalizzare la richiesta, sono disponibile da subito a mettermi all'opera per far inserire l'aeroporto nella programmazione nazionale. Entro oggi sarebbe utile fare questo ragionamento".

La perplessità dell'assessore regionale sui principi dell'anticorruzione e della trasparenza: "Aver indicato il segretario destinatario di così tante deleghe e averlo confermato nel ruolo di dirigente per il contrasto alla corruzione piuttosto che nel ruolo di controllo e di gestione - pur individuandolo come una figura di garanzia -. penso che l'incarico vada rimosso".

11.45. La pregiudiziale di Marasco la discuteremo dopo gli accapi 4 e 5, "come la legge ci impone".

11.40 Marasco invita a rinviare le discussioni successi all'accapo 4 perchè sarebbero dovuti passare dalla commissione per i regolamenti. "Altrimenti non parteciperemo alla prosecuzione della seduta, insieme a Sciagura, Buonarota, Cassitti, Russo, Clemente e Iaccarino."

11.30 LUIGI MIRANDA E' IL NUOVO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE: "GARANTISCO IMPARZIALITA'"

11,20 VOTAZIONE MIRANDA. Primo appello 22 voti favorevoli e 11 astenuti. Secondo appello 21 voti favorevoli e 12 astenuti.Si passa alla terza votazione". Terza votazione 21 voti favorevoli e 12 astenuti.

10.45. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO. De Rosa per Forza Italia : "Abbiamo scelto Miranda candidato alla presidenza. Non abbiamo mai pensato di tingerci di tradimento. Forza Italia sostiene l'avvocato Luigi Miranda"

Ilaria Mari per il Nuovo Centrodestra: "Anche io per Miranda perchè votandolo noi votiamo per il rispetto di 7mila cittadini che hanno accordato la fiducia a Luigi Miranda. Votiamo perchè non possiamo dissentire dalla volontà popolare, che legittima la nostra presenza. Volontà che impone operato all'insegna dell'onestà. Nelson Mandela disse che se ci fosse stato una cosa che l'avrebbe ucciso sarebbe stata quella di svegliarsi la mattina e non sapere cosa fare. Dobbiamo ricordare di essere prima rappresentanti, poi cittadini".

Bruno Longo per le Destre Unite: "Maggioranza è e deve essere con Luigi Miranda. Poi dobbiamo dare fiducia alla Giunta affinché porti i risultati. Sono compiaciuto che Landella abbiamo sottolineato la necessità delle linee programmatiche, mai portate dal centrosinistra in aula. Alcuni suoi comportamenti non mi sono piaciuti, ma le accordo una fiducia sui risultati. Abbiamo lasciato in mezzo alla strada i lavoratori di Foggia Servizi, abbiamo il PUG, l'annosa questione del cimitero. Dobbiamo affrontare e risolvere queste situazioni in aula. Buon lavoro a tutti e anche a Luigi Miranda".

Rosario Cusmai, lista Leonardo Di Gioa: "Ci sarebbe piaciuto condividere l'elezione con la maggioranza. Allo stesso modo per cercare di scrivere una nuova pagina della città, ma sull'elezione ci asterremo. Mi auguro che il presidente del Consiglio, eletto in una lista che voleva rappresentare il cambiamento, possa essere garante e il presidente di tutti".

Destinazione Comune: "Riteniamo che l'avvocato Luigi Miranda possa coniugare l'esperienza con la freschezza della politica, vero obiettivo di questa amministrazione comunale. Lo voteremo perchè fondere politica e associazionismo sia bello per questo Consiglio comunale"

Luigi Fusco capogruppo del Nuovo Centrodestra: "Siamo per Miranda e lavoreremo per la nostra città che amiamo fortemente".

Lucio Ventura, la Puglia Prima di Tutto: "Senza dubbio sosterremo Miranda, ma sarà necessaria l'imparzialità. Confermiamo il sostegno all'avvocato foggiano".

Luigi Buonarota, Lavoro e Libertà: "Contento di essere ritornato Saremo opposizione dura e attenta nel bene della città. Faccio gli auguri a Miranda"

Augusto Marasco, Il pane e le Rose: "Nell'augurare a tutti buon lavoro a tutti, Ci asterremo dalla votazione, ma gli auguro comunque buon lavoro"

Vincenzo Rizzi, Movimento 5 Stelle: "E' segno di democrazia la gente presente in questa seduta. Da parte mia opposizione dura e costruttiva. E un dovere contaminarci per far crescere questa città. Apprezzo il percorso di Miranda, ma mi vedo costretto ad astenermi perchè è un percorso nato all'interno della sola maggioranza".

Il consigliere Russo del PD: "Non ergeremo muri ma saremo attenti e vigili. Sconti non ne faremo, ma apprezzeremo atti validi. Io conosco Luigi Miranda da ragazzo, ne apprezzo le qualità, ma non possiamo votarlo perchè non c'è stata partecipazione. Avremmo preferito un confronto politico perchè la figura del presidente è figura terza".

Leonardo Iaccarino dell'UDC: "Sindaco, ho apprezzato il suo discorso e su alcuni punti mi trova d'accordo. Lei è stato consigliere comunale di minoranza come me e sa benissimo quanto sia importante. Rappresentiamo circa il 50% dell'elettorato e spero che lei terrà in considerazione questa mia affermazione. Dobbiamo darci da fare e abbiamo necessità di dare risposte. Luigi mi duole non poterti votare, io mi asterrò".

Alfonso De Pellegrino del PD: "Chiede giustamente al Consiglio comunale di starle vicino. I consiglieri non si potranno sottrarre, penso però che rispetto alle azioni che tuteleranno gli interessi particolari e non della collettività, ci confronteremo. Per quanto riguarda Miranda il voto politico d'astensione è d'obbligo.

10.30 - GIURAMENTO LANDELLA. "Rappresentare Foggia, la mia città, la città che amo in cui vive la mia famiglia e ci sono gli affetti più cari è un grande onore ed onore. Comprendo le vostre ansie, l'entusiasmo e la passione, essendo stato già consigliere. Maggioranza e opposizione abbiano come unico riferimento il bene generale, l'interesse della collettività. Raccoglierò spunti positivi da opposizione, ma sarò fermo sulle mie posizioni per mantenere il patto sottoscritto con la città. Confronto, dialettica e non delegittimazione reciproca"

Momento toccante quando il sindaco ricorda Terenzio, Paglia e Laricchiuta. Maggioranza e opposizione si alzano in piedi e applaudono. "Permettetemi di ricordare un collega con il quale ho condiviso l'impegno consiliare, seppur talvolta in contrasto che ci ha lasciati. Mi riferisco a Paolo Terenzio. Vorrei ricordare anche Antonio Paglia e Rocco Laricchiuta."

ECCO IL DISCORSO INTEGRALE DI FRANCO LANDELLA

Il primo cittadino, emozionato, prosegue: "I giovani hanno gambe per la corsa, ma gli anziano conoscono la strada. Assemblea contiene giusto mix per dare risposte alla città. Sapremo farlo con impegno e dedizione. Ci sacrificheremo restituendo a Foggia orgoglio, dignità, senso d'appartenenza e speranza nel futuro. Sfida è restituire fiducia nelle istituzioni ai cittadini. E' possibile trovare il Comune di Foggia un alleato e non un nemico. Non sia sede di una casta. Scarsa partecipazione al voto, pericoloso campanello d'allarme. Segnale di sfiducia, rabbia e segno di protesta del non voto. E' sintomo e non malattia. C'è tempo per costruire legame con la comunità. Prosciugare palude dell'antipolitica. Dimostriamo che questo Consiglio sarà consiglio del fare, di essere propositivi e di difendere chi vive tra le difficoltà".

E chiude tra gli applausi: "Giuro di rispettare lealmente la Costituzione italiana"

ORE 10.10 - RICORSO PONTONE. Si discute del ricorso di Italo Pontone circa l'incompatibilità del consigliere comunale Alfonso De Pellegrino. Intervengono Longo, Mainiero e il segretario Mascello. Al voto l'emendamento di Landella circa la convalida dell'elezione di Alfonso De Pellegrino. Passa l'emendamento di Landella, 12 gli astenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale: la presidenza va a Luigi Miranda, venerdì si ritorna in aula

FoggiaToday è in caricamento